lunedì, maggio 02, 2005

CISL: "Non siamo la CGIL" (ma che differenza c'è?)

Continuiamo lo studio inaugurato dalla rubrica "Sindacati (alquanto) sinistri" con la Cisl, il secondo sindacato italiano per numero di tesserati, 4.260.973 per la precisione, di cui 2.170.142 (più della metà!) sono pensionati. Non che abbia qualcosa contro i pensionati, ma se un sindacato è un organizzazione per la tutela dei diritti dei lavoratori, non si capisce perchè tesseri più pensionati che lavoratori, per non parlare dei 47.239 disoccupati muniti di tessera Cisl. Questi dati confermano sempre più la tesi che il sindacato è una succursale dei partiti di sinistra, è un potente strumento di propaganda radicato capillarmente in tutto il territorio, nonché un grosso business come viene documentato nel bilancio che vi invito a consultare. (vedi!)
I sindacati sono un immenso esercito che sponsorizza i partiti della sinistra laddove ognuno di noi passa la maggior parte della propria vita: al lavoro, nelle scuole e nelle università. E senza diritto di replica. Alla faccia della par condicio.
Abbiamo già visto come la Cgil (primo sindacato italiano con più 5 milioni e mezzo di iscritti di cui oltre 3 milioni di pensionati) non è altro che il reparto Pubbliche Relazioni del partito dei Ds.
Ascoltando i cigiellini, sembrerebbe che la Cisl fosse quasi di destra, sono servi del padrone, praticamente un sindacato berlusconiano...beh, come si può vedere dalla storia dei leader Cisl, non è così. La Cisl è sempre stata schierata a sinistra. Non comunista, ma di sinistra. I primi 3 segretari erano della Dc, partito che sebbene si presentasse unitario e di centro, ha sempre avuto al suo interno una netta divisione tra "Sinistra-Dc" e "Destra-Dc". Tant'è che al momento della frammentazione della Dc, tale divisione si è palesata in partiti distinti. Dopo innumerevoli mutazioni, attualmente a destra c'è l'Udc di Follini e a sinistra ci sono i Popolari di Castagnetti sotto il simbolo della Margherita di Rutelli (e di De Mita)...ah, a proposito di mafiosi come dimenticare l'Udeur di Mastella anch'esso (attualmente) a sinistra ed ex-democristiano.
Ma torniamo alla Cisl che è nata nel 1950 come sindacato Dc, era Dc di dx o di sx? La risposta è scontata se si proiettano le posizioni politiche dei segretari più recenti a quelle dei primi 3.
Riporto, quindi, l'elenco dei Segretari Nazionali della storia della Cisl (tra parentesi il periodo in cui hanno diretto il sindacato) con la loro carriere politiche post-Cisl. La carriera più significativa è quella di Pierre Carniti, che dopo i 3 segretari democristiani, al momento di riscuotere la sua candidatura alle Europee '94, invece di scegliere uno degli innumerevoli cocci della Dc, accetta la candidatura del Pds. Poi ci sono stati Marini, ancor oggi esponente di spicco dell'Ulivo e la margheritina palermitana D'Antoni.
Le conclusioni sono semplici: anche la Cisl, è di sinistra.

GIULIO PASTORE (1950-1958)
Direzione Nazionale DC
( http://www.fim.varese.it/storia%20cisl/storia/pastore.htm )

BRUNO STORTI (1958-1977)
Parlamentare DC '59-'69

LUIGI MACARIO (1977-1979)

Parlamentare europeo DC '79-'84

PIERRE CARNITI (1979-1985)
Parlamentare europeo PDS '94-'99

(http://wwwdb.europarl.eu.int)

FRANCO MARINI (1985-1991)
Già Segretario del Ppi, attualmente Segretario (organizzativo) della Margherita

(http://www.europarl.it/europarlamentari/5leg.asp?id=94)

SERGIO D'ANTONI
Nel 2001 "inventa" Democrazia Europea" con Andreotti, progetto di un nuovo centro indipendente dai due poli: DE non supera lo sbarramento e non elegge alcun parlamentare. Democrazia Europea confluisce nell'Udc, ma D'Antoni con Berlusconi proprio non ci vuole stare e aderisce alla Margherita.

http://www.democraziaeuropea.it/ )
(http://www.grandinotizie.it/dossier/010/protagonisti/301.htm
)

SAVINO PEZZOTTA (2000- )
Si accettano scommesse sul partito che lo "accoglierà" al termine della sua avventura sindacale.

9 commenti:

Robinik ha detto...

Ciao è complimenti per il Blog.
Ottimo lavoro ;-)

p.S. Ti comparirà il link al mio neo-blog su Blogger ma io abito principalmente qui:

http://robinik.splinder.com

Anonimo ha detto...

Certo tendenzialmente i lavoratori dipendenti stanno a sinistra, e vorrei vedere che invece stessero con la destra. Che scoperta. E comunque dico tendenzialmente, infatti ce ne sono (purtroppo) che votano a destra dandosi la clava sui co....
In ogni caso esistono anche sindacati vicini alla destra. Si pensi alla UGL per esempio. E' chiaro che poi i lavoratori scelgono il sidacato a cui si sentono più vicini e che a loro pare difendere meglio i loro diritti.
Ma capisco che a chi scrive un articolo come quello da te scritto dei sindacati frega poco. evidentemente o nella vita non hai bisogno di lavorare e magari sei mantenuto da mamma e papà, o comunque fai una professione per cui non ti serve avere un sidacato. Ma ai lavoratori il sindacato serve e denigrarlo non è utile neanche alla società tutta nel suo complesso. Certo, si possono anche criticare i sindacati. Io nella mia vita ho avuto a che fare con i sindacati e per mia fortuna con due ruoli diversi e opposti, e sicuramente ci sono posizioni sbagliate e atteggiamenti sbagliati. Ma i sindacati sono necessari. E soprattutto quelli che nomini tu (CGIL CISL UIL); già molto/troppo spazio è stato sottratto loro dai sindacati di base, i quali (per l'esperienza che ho potuto fare io) sono davvero poco utili per non dire dannosi.

Calamar
www.bloggers.it/calamar

J.A. ha detto...

Non sono contro i sindacati in generale, sono contro QUESTI sindacati. E' improponibile ragionare con la logica di mercato per quanto riguarda i sindacati, perche' la Triade ha una posizione dominante che schiaccia qualsiasi altro sindacato esistente e non dirmi che questa posizione dominante nasce dalla libera scelta di dipendenti pubblici o credi che se i sindacati di sx hanno 10 volte (sottostima) le tessere di quelli di dx e' perche' effettivamente i dipendenti di sx sono 10 volte di piu' di quelli di dx?
Per piacere. Io sono contro questa politicizzazione dei sindacati, i problemi dei lavoratori devono essere affrontati con obiettivita' e se dei lavoratori credono veramente che la sx difenda i loro diritti, c'e' la cabina elettorale per dare il proprio contributo.
Grazie, per il tuo contributo.
JA

P.S.: Non trovi curioso, come nelle provincie piu' industrializzate d'Italia, cioe' Vicenza e Treviso, dove c'e' una densita' di aziende altissima e quindi, fino a prova contraria, un'altissima densita' di lavoratori dipendenti, i partiti di sx raccolgono pochissimi voti?
Mi sembra arcaica la visione per cui la sx e' coi lavoratori e la dx coi padroni, la lotta di classe va archiviata, ma i sindacati non l'hanno capito.

J.A. ha detto...

Ah...dimenticavo...ti ringrazio per la mia analisi psicologica, mi serviva un lettore che da una decina di post su un blog, mi dice chi sono, da dove vengo, dove andro' e perche' scrivo cio' che scrivo.
Non ti spiego il perche' il tuo giudizio e' sbagliatissimo, semplicemente perche' la mia vita..e' mia, quindi privata.
Comunque, siete tutti testimoni che io avevo messo le mani avanti, lo scritto, "blog moralmente inferiore" quindi se qualche mente superiore mi da' del figlio di papa', beh...chissenefrega.

JA

J.A. ha detto...

Ciao Robinik, la tua visita mi fa molto piacere, anch'io sono un tuo lettore, good post

JA

scommesse sportive ha detto...

Ciao J.A. ! Non potevi esprimere meglio il tuo pensiero riguardo a CISL: . Complimenti per il tuo blog, è davvero bello! Continua a tenerlo aggiornato! Se ti va di visitare il mio sito che riguarda risultati scommesse clicca su questo link: qui troverai solo risultati scommesse !

scommesse calcio ha detto...

Complimenti J.A. per il post riguardante CISL: . Volevo sapere se puoi dare uno sguardo al mio sito che parla di risultati scommesse e dirmi come ti sembra. Se ti interessa l'argomento risultati scommesse non puoi trovare di meglio!

Anonimo ha detto...

quello che stavo cercando, grazie

Anonimo ha detto...

Ma le persone che hai sopra citato ti sembrano di "sinistra"? Se per te quei personaggi sono di sinistra io penso che tu di politica non ne capisci proprio un c... .
In ogni caso, un sindacato effettivamente dovrebbe essere di SINISTRA in quanto "dovrebbe" effettivamente tutelare gli interessi dei LAVORATORI(e non degli imprenditori)...
Non esistono operai di destra...
o meglio, non esiste una politica di destra che tuteli gli operai...
Ciò nonostante oggi non si può parlare di sindacati di sinistra, o ancor + di tutela dei lavoratori, in quanto i sindacati sono ormai i primi a spartirsi il pane con i "grandi"...

Condividi questo post con i tuoi amici!