lunedì, febbraio 27, 2006

Il Grillo senza palle diventa muto

Le elezioni sono alle porte e non avete ancora deciso per chi votare? Tranquilli.
Beppe Grillo viene in vostro soccorso e vi dice dove fare la X:

"ho deciso finalmente di schierarmi" dichiara sul suo blog.
Se lo avesse detto Emilio Fede sarebbe stato più credibile.
E scatta il Primo Comandamento:
"non votare nessun partito con condannati in via definitiva in lista"
L'imperativo è d'obbligo come insegnano le religioni più affermate, ma avremmo preferito la forma futura "non voterai...".

Secondo il comico, quindi, la mancanza di condanne penali per tutti i candidati di un partito dev'essere il primo discriminante nella scelta elettorale. Dati i precedenti, mi sembra un'impresa piuttosto ardua spiegare a Grillo la differenza che passa tra la sentenza di un tribunale e il Giudizio Universale, ma ci proviamo sinteticamente:

1. La suddivisione buoni/cattivi non è necessariamente la stessa di innocenti/colpevoli.
2. Dio non sbaglia.
3. Dio non accetta posti al Senato in cambio di un buon Giudizio Universale.

Fatemi capire: non bisogna votare Forza Italia perchè c'è un Lino Jannuzzi condannato a 30 mesi di carcere (e graziato da Ciampi) per diffamazione. Il fatto di essere stato giudicato colpevole di un reato d'opinione fa di Jannuzzi un politico disonesto e fa di FI un partito da non votare? O la Lega Nord non va votata perchè Maroni si è beccato (oltre ai manganelli della polizia) pure la condanna a 4 mesi per resistenza a pubblico ufficiale?
E se gli unici politici non condannati in terzo grado rimanessero Mastella e De Mita? Dovremmo votare i 2 scaldapoltrone che si spartiscono i voti clientelari in Campania perchè possono vantare il marchio condanna-free della magistratura italiana? Già, Ciriaco De Mita, l'innominabile.
Quando c'è di mezzo l'avellinese, il Grillo si fa coniglio e scappa, tergiversa, sorvola. Proprio Grillo, che di Parmalat ha fatto un cavallo di battaglia, parla di Tanzi e si dimentica chi era il politico che ha permesso alla Parmalat di creare la truffa più grande dell'economia italiana. Scrivere 1000 post su Parmalat e non nominare mai De Mita è come parlare della seconda guerra mondiale senza nominare Hitler. Ma Grillo ce la fa. Si sarà dimenticato. Magari si era scordato dello stabilimento Parmalat a Nusco e dei contributi statali alle piccole (sic!) imprese, dell'avventura di OdeonTv fortemente voluta da De Mita e il coincidere dell'inizio dei guai giudiziari di Parmalat con l'uscita dal governo, dopo 20 anni quasi ininterrotti, proprio del Ciriaco. Ne ha parlato perfino Di Pietro, che di De Mita è alleato, nel suo blog (spudoratamente copiato da beppegrillo.it) "sono a disagio di fronte a candidature come quelle di Ciriaco De Mita presentato dal Centro Sinistra come capolista in Campania".
I Ds e la Margherita, uniti nell'ulivo, candidano nella regione più popolata, tra quelle governate dal centrosinistra, come eletto numero uno Ciriaco De Mita. E Beppe Grillo? Quello che "non ce n'è per nessuno", cosa dice? Niente. Come in ogni occasione in cui potrebbe far ridere (e pensare) sui Ds decide di passare la mano. Come il silenzio sulla questione "dell'acqua" che infastidiva Bassolino o come quando si è limitato a bofonchiare una difesa a Fassino, vittima della sua ingenuità, nell'affare Unipol, caso che riempito le prime pagine dei giornali, ma non il blog di Grillo. Proprio il Grillo che negli scandali finanziari ci sguazza.
A questo punto cosa aspetti caro Beppe? La tua parzialità è palese, il coraggio per andar contro agli "amici" ti manca, non ti resta che candidarti e fare attivamente politica!
Ah, no! Dimenticavo che sei stato condannato per omicidio colposo, e quindi il Primo Comandamento impedirebbe ai tuoi adepti di votarti...
Secondo me dovresti fregartene e candidarti comunque, ci sono tante persone che non si bevono tutto quello che dici come fosse oro colato, che ti ritengono una persona onesta, intelligente e comunque migliore di tante altre con la fedina penale immacolata. E per questo ti voterebbero.
Ricordati di loro ogni tanto. Anche se non ti candidi.

P.S.: Pur ritenendoti onesto ed intelligente io non ti voterei.

66 commenti:

occàso ha detto...

Io penso che Grillo abbia fatto il suo dovere. Anzi, non poteva far altro.

Grillo infatti è la coscienza del paese, la nostra Pizia, aruspice e gran sacerdote della Politica-Quella-Vera-Sacra-Inviolabile. In quanto tale, egli è in grado di intercettare i bisogni profondi della gente. Sa quali sono le priorità della nazione perchè lui E' la nazione, il suo spirito incarnato e astrologante.

Insomma: Grillo vede chiaramente che alla gente non frega alcunchè dell'economia, del mercato del lavoro, della situazione internazionale, del declino demografico, delle infrastrutture, dei dilemmi etici, e via dicendo. Grillo sa invece che, nel segreto dell'urna, penseremo ad avvisi di garanzia e segreti istruttori, fascicoli e cancellieri, rinvii a giudizio e citazioni.

Grillo sa e basta: dunque non ha senso discutere, non trovi?

watergate ha detto...

Grillo non sa niente: è solo un qualunquista che sa come fare bene i soldi.

a.s.c. ha detto...

A parte tutto, avete mai visto il blog di Di Pietro? Credo sia opera deglòi stessi autori, per giunta Grillo ospita spesso interventi dell'ex magistrato e viceversa. Giustizialisti.

Anonimo ha detto...

Forza Italia non va votata perche' ha nelle sue liste un pluripregiudicato prescritto e che si e' fatto qualche leggina apposita, perche' ha nelle sue file un condannato per mafia come anche l'udc che ha 90% di candidati indagati arrestati e condannati per vari reati dalla corruzione alla mafia.

Anonimo ha detto...

Grillo fa uno spettacolo noioso come un comizio di Prodi, fazioso oltremodo. E' stata una vera delusione. Lui che di solito non guardava in faccia nessuno parla del grande incantesimo in cui sono caduti gli italiani....Credo che l'incantesimo lo abbiamìno fatto a lui...e pure brutto.

arca ha detto...

"Grillo sa e basta: dunque non ha senso discutere, non trovi?"

E viva la ragione!
Raro trovarne di vivaci e aperte come quella di OCCASO.
Oh, ma ci siamo rimbambiti? Guarda un po', stasera ho una gran voglia di discutere, ci stai? Frasi come questa mi fan ribollire il sangue, e poi c'è chi rompe le palle ai cattolici per la sequela al papa..
Sentiamo, chi è il crociato? Chi è il dogmatico? Chi fa la parte del buono e del cattivo?
Ma quante sono le divisioni di Grillo?
Oramai sta diventando veramente un uomo di potere. La cosa triste è che dalle sue "scoperte" non può nascere nulla di buono, non è possibile cambiare, migliorare, costruire. Solamente ghigliottine per decapitare il cattivo di turno, per poi diventare dittatori. Grillo conosce anche troppo bene il giochino, l'amico Di Pietro ha giocato 15 anni fa con tangentopoli, ora ci prova il Grillo, ma le regole non sono cambiate. E forse nemmeno gli attori.

Se ho offeso qualcuno mi scuso per il livore.
Se mi venite a trovare si parla anche un po' su Di Pietro sul mio blog.

arca ha detto...

Ritorno di fiamma.
Scusate: io voglio votare per chi diavolo mi pare, chiaro il concetto? Se voglio votare per Riina lo faccio. E' un mio diritto, in uno stato democratico.
Ma se le regole le volete dettare voi.. ci sto.
Atrocepensiero sottoscrivo in pieno il tuo post.

Anonimo ha detto...

La gente ha il diritto di sapere TUTTO su un parlamentare, soprattutto la sua fedina penale. Invece la maggior parte della gente non sa nulla delle tangenti di gente come De Michelis o Cirino Pomicino.
Per far eleggere un parlamentare pregiudicato, Gianstefano Frigerio, Forza Italia lo ha candidato in una nuova regione (la Puglia, dalla Lombardia), con un nuovo nome, senza foto sui manifesti.

E basta raccontare la palla del povero Jannuzzi martire. Non è libertà di opinione raccontare il falso spacciandolo per verità per infangare una persona.
«Si è fatto notare insultando, quando era in vita, Giovanni Falcone, che poi ha glorificato da morto, per contrapporlo ai magistrati vivi di Milano e Palermo, sempre da criticare. [..] Dal boss di Cosa nostra Pippo Calò ha ricevuto 5 milioni per pubblicare un libro che poi non ha mai scritto. è pluriquerelato per una serie infinita di diffamazioni nei confronti di magistrati e uomini per bene. Ora cominciano ad arrivare le condanne definitive: 2 anni e 4 mesi per diffamazioni varie. Però niente carcere, per il giornalista viveur, che prima scappa a Parigi, poi ottiene una inedita (e inesistente) immunità parlamentare assoluta, garantita dal presidente del Senato Marcello Pera» (by Travaglio)

J.A. ha detto...

1. La gente ha diritto di sapere TUTTO su TUTTI. E' proprio questo il problema! E' facile fare una lista di condannati e così essere esentati dal giudicare col proprio cervello le persone per quello che hanno fatto.
2. Mai detto che Jannuzzi è un martire. Ritengo però che la diffamazione sia un reato penale. Giuste le sanzioni, scandaloso il carcere.
3. Ritengo molto più "votabile" un condannato per abusi edilizi che un "incensurato" come Mastella che prende il 91% dei voti a Casalduni e nessuno si pone il problema. Le liste di Grillo sono un buon modo per non usare il cervello
4. Travaglio è l'ultima persona che dovrebbe parlare di diffamazione
5. Prendiamo un Biondi che è stato condannato a 2 mesi per evasione fiscale. Sicuramente non è una bella cosa, ma come posso prendere questa condanna come metro di onestà assoluta quando c'è gente come D'Alema che dichiara 103.000 euro annui (lordi) e nel contempo fa un leasing di 96.000 per una barca che neanche Berlusconi(dati da lui dichiarati). Oltre alla disonestà ci vuole anche una bella faccia da culo eppure D'Alema ha la fedina pulita...semplicemente perchè nessuno apre un'inchiesta.

Io sono per l'informazione a 360°.
Grillo è per l'indottrinamento (a 90°)

Said ha detto...

Tu sei completamente pazzo... e non vedi (o fai finta di non vedere) aldilà del tuo naso.

Cmq, messo peggio di te, c'è qualcuno che pubblica le tue porcate sulla Home page di Libero... e questo è davvero scandaloso.

Chi le caga sennò tutte 'ste stronzate???

J.A. ha detto...

Quelli come te...

Phoenix ha detto...

Mi pare che tra pagliuzze e travi qui si stia discorrendo delle prime.
Questo fantasioso ragionamento che potrebbe macchiare la mia idea degli interventi di Beppe Grillo non mi convince affatto.
Ci sono cose molto più evidenti ("per non vedenti", parafrasando Grillo) di cui discutere per far salire la cacca a galla.
Evidentemente sia LIBERO che QUESTO BLOG hanno la possibilità di fare notizia solo per i non vedenti.
Se volete farmi credere che si sta vivendo bene in questo Paese in cui aumenta esponenzialmente la criminalità legalizzata da stampa, media e da noi stessi che non denunciamo alcunchè, siete proprio fuori come un cornicione!
Tra l'altro le risposte al blog di libero sono censurate alla grande... EVVIVA!

Pluto ha detto...

bravo bravo! mi piace kuello ke hai scritto! finalmente uno ke analizza per bene le dichiarazioni di grillo! :-)

J.A. ha detto...

C'è una categoria di persone che scrive di più di quanto legge. Evidentemente il Phoenix è uno di questi non essendosi accorto che l'articolo su Libero è esattamente questo post non si tratta di somiglianza. Comunque sia i commenti su libero non sono moderati da me, ma da Libero. Dubiti che operi qualche filtro visto che sto ricevendo più insulti che elogi, prob censurerà messaggi di troll o volgari.

Anonimo ha detto...

Almeno Grillo le cose le dice. Forse sei invidioso o forse sei UN EMERITO ASINO CHE NON SA NEMMENO LA COSTITUZIONE E SPARA CAZZATE A NASTRO.
TACI PERVERTITO DELL'INFORMAZIONE GENTE COME TE DEVE SOLO STARE ZITTO ED IMPARARE

Anonimo ha detto...

Ciao, sono Alessandro e sono incappato
nel tuo scritto così per caso...
Mi pare che, al solito, la confusione
regni sovrana!
Concetti giusti e ragionevoli mescolati
a fregnacce di ogni genere!!!
Un approccio classico per fare in modo che alla fine non si capisca niente!!
Il mio piccolo contributo è questo:
essere disgustati da De Mita è molto
più che ragionevole ma liquidare le azioni di Jannuzzi (che certo non è il personaggio più della CDL) come quisquilie è quantomeno ingenuo!!! Perchè, come te ben saprai, a volte basta trovare un mezzo demente, come il conte Boris per Telekom Serbia o un giornalista senza scrupoli come il nostro Jannuzzi per tirar merda per settimane su chiunque prima di riuscire a separare il grano dal loglio.
E in certe settimane la merda è più pesante che in altre, no...?
A tal proposito citi, con una certa audacia, Fassino e il suo, non meglio specificato, coinvolgimento nella faccenda Unipol.
Bene.
Mi dici quale reato, rispetto all'attuale codice penale, ha o avrebbe commesso Fassino in quella faccenda?
E la sua posizione a tuo giudizio è più o meno grave di quella di Calderoli?
Da queste risposte capirò se il goniometro da cui risulta che l'ampiezza della tua visione sia di 360° è buono o meno.
Mi fermo qui perchè di corbellerie a cui rispondere, anche nei vari post successivi, ce ne sarebbero tante ma il tempo ormai fugge...
Saluti

J.A. ha detto...

Si continua a fraintendere quello che ho scritto, mi si dice: "sei fazioso perchè hai preso proprio Jannuzzi che è il meno peggio". Ma va?! L'ho preso apposta tra quelli che hanno commesso un reato minore perchè la mia tesi NON è "sono cose di poco conto". La mia tesi è: prendere come indice di qualità di un partito, il fatto che candidi o meno delle persone che sono state condannate è una cosa superficiale, da indottrinati. Non credo che la fedina penale sia l'indicatore assoluto che mi separa i buoni dai cattivi, sarebbe bello fosse così, ma NON è così. Questo era il senso della citazione di Jannuzzi e Maroni: possono essere delle persone oneste anche se sono state colpevoli di diffamazione. Poi il fatto che ci siano candidati che sono dei veri e propri criminali è un altro discorso, ma al solito non sarà certo la blacklist di Grillo a farmi avere un giudizio negativo su di loro.
E la citazione dell'omicidio colposo di Grillo non ha il senso "stai zitto tu che sei stato condannato di omicidio" ma l'opposto: il fatto che Grillo sia stato condannato di omicidio colposo, non implica necessariamente che sia una cattiva persona, perchè la giustizia umana non è quella divina, esattamente come una condanna di un politico non rende necessariamente quel politico un criminale. A volte sì, ma non sempre. Ed equivalentemente un politico incensurato non è detto che sia onesto. E questo è l'esempio di De Mita, in cui accuso di Grillo di NON dire abbastanza!

La questione Unipol non c'entra niente con il discorso delle condanne ma era citato come esempio di una partigianeria di Grillo: IMHO credo che se lo scandalo Unipol avesse coinvolto la destra Grillo ci avrebbe sguazzato per mesi, come ha fatto con Fazio, Parmalat, Cirio, etc.

Anonimo ha detto...

Ciccio guarda che a proposito di telekom serbia il peccato non era di prendersi la percentuale da Milosevic, ma di finanziarlo milosevic (mi rendo conto che spiegare ste cose a un tifoso di hamas è tempo perso)

a proposito della unipol: era interesse far sapere agli elettori, che chi si candida a tornare al governo della nazione, strillando un giorno si e l'altro pure sui conflitti d'interesse del silvio, nei conflitti d'interesse, quelli veri, ci sguazza

Anonimo ha detto...

Un anonimo ha detto...
Almeno Grillo le cose le dice. Forse sei invidioso o forse sei UN EMERITO ASINO CHE NON SA NEMMENO LA COSTITUZIONE E SPARA CAZZATE A NASTRO.
TACI PERVERTITO DELL'INFORMAZIONE GENTE COME TE DEVE SOLO STARE ZITTO ED IMPARARE


grazie anonimo!!! insegnaci tu l'italiano a noi asini
scommetto che fai parte della elite acculturata del paese che legge repubblica

Anonimo ha detto...

Io votero' berlusconi perche' ha due orecchie alla DUMBO. E a DUMBO non puoi dire di no! fa una tenerezza.
cnef

Anonimo ha detto...

Io votero' Bertinotti perche' e' un bell'uomo.
ICDT

Anonimo ha detto...

Premetto al simpatico interlocutore
che presumo volesse rispondermi che mi
chiamo Alessandro e non Ciccio.
L'ho anche scritto, ma probabilmente
per uno lobotomizzato da sovra-esposizione al "Giornale" o a TG4 è pretender troppo...
Ma stando ai fatti, se non è chieder troppo, credo che sia il caso di fare una certa distinzione tra peccati e reati (diversamente staremmo tutti in galera, no?).
Quello che mi interessa sentirmi dire è questo:
ci sono dei reati o anche delle semplici ipotesi di reato rispetto all'attuale codice penale nella faccenda Telekom Serbia e Unipol a carico di Fassino e compagnia, si o no? E' semplice...
Se mi vuoi rispondere bene, altrimenti continua a darmi del tifoso di Hamas (bellissima!) o a sparare fregnacce sui conflitti d'interesse (grandiosa!!!) ma non credo che farai un gran servizio alla tua causa (che chissà qual'è...)
Per chi alle parole preferisce i numeri
consiglio di vedersi questa paginetta...
http://www.borsari.it/Giaccheferru13.php
curata da questo signore qui
http://www.borsari.it/Migliorino.htm
Saluti

Anonimo ha detto...

Ma come fai a scrivere delle stupidaggini cosi grandi.

Senti una cosa, ma tu l'hai visto lo spettacolo di Beppe? No, vero? E allora stai zitto che di sicuro ci fai una figura migliore.

Vergonati di scrivere queste stupidaggini. A che pro poi?
Ma smettiamola di fare sti gossip e pensiamo a come veramente l'Italia stia andando in malora.

E Beppe è uno dei pochi, forse l'unico che fa qualcosa per cercare di far migliorare il nostro paese.
Se anche lui non ti va bene, allora aspettiamo te.

J.A. ha detto...

Ah, è così. O si prende San Grillo integralmente o nisba. Guai a mettere in discussione quello che dice Grillo.

Lo PseudoSauro ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Lo PseudoSauro ha detto...

Riposto causa errore.

Hai atrocemente ragione. Spiega un po' al cicciottello che la maggior parte dei vecchi politici antifascisti era stata condannata per qualcosa o era stata in galera. Tanto valeva non fare nemmeno la Costituente con simili figuri... Ma il Grillo si rivolge ad un pubblico "selezionato" che applaude ancor prima di averlo sentito. Hai presente il Nerone di Petrolini? Esatto.

Anonimo ha detto...

Ma si! Ma certo!
Sono tutti uguali!
Fascisti e antifascisti: indistinguibili!
Mafiosi e magistrati: collusi!
Beppe Grillo e Jannuzzi: e che differenza c'è?
Fede e Biagi: entrambi giornalisti onesti!
Berlusconi e Fassino: so' uguali, è tutto un mangia mangia!
A quale edizione siamo arrivati con
questa sagra del qualunquismo...?

Che desolazione...

Saluti

Anonimo ha detto...

Io non ho certo studiato la storia della politica italiana, ma sarebbe bello se in un paese a governare sarebbe gente che non si fa corrompere e che il primo corrotto saltasse fuori e non restasse solo un ago in un pagliaio, anche perchè al momento il pagliaio in questione sembrerebbe più un cassetto di una sarta. Beppe non è certo infallibile ma fa discutere e fa pensare su temi piuttosto rilevanti che i giornali e le Tv a volte snobbano a discapito del "grande fratello" e i suoi amici. Quindi lasciatelo lavorare considerando quando leggete che nulla al mondo è oro colato.
ALAN

Anonimo ha detto...

Vi faccio i complimenti per il coraggio con cui attaccate questo mito "falso" della sinistra: uno che fa finta di essere onesto ma poi approfitta appena può delle cose che va tanto criticando( vedi il condono tombale).
Avanti così!
Tex

Anonimo ha detto...

scusa J.A ma effettivamente lo spettacolo di Grillo l'hai visto? E ti ha fatto cosi schifo o la tua era solo una provocazione?
Alan

J.A. ha detto...

Ma chi ha parlato dello spettacolo? Avrei voluto vederlo, ma non l'ho visto. E' obbligatorio? Io mi sono limitato a commentare il suo blog, quando vorrò parlare dei suoi spettacoli andrò a vederli.
Nessuna provocazione. Mi dà fastidio che si prenda come Vangelo ciò che dice Grillo, mi dà fastidio quando non si usa il senso critico e lo si fa passare per imparziale. Essere di parte non lo ritengo un'accusa, ma basta saperlo! Io stesso SONO di parte e sul mio blog critico maggiormente la sinistra, mi ritengo obiettivo ma non imparziale. Mi piacerebbe che anche Grillo facesse apertamente lo stesso.

N.B.: Il titolo "Grillo si cala le braghe con De Mita" non è mio ma di Libero e non rispecchia il contenuto dell'articolo.

Anonimo ha detto...

Sono d'accordo che preferisce guardare di più da una parte che dall'altra, ma se vogliamo attenerci alle fredde cifre, vedi i dati ISTAT di oggi il presente governo è stato un disastro dal punto di vista economico, su tutti i fronti. Da notare che l'istat sostiene che l'inflazione è al 2,5 %, speriamo che non sia tutto in proporzione. Mentre invece il nostro Napoleone, Gesù Cristo da quado è entrato in politica ha moltiplicato per SETTE il suo capitale. E' inaudito, una gran presa per il culo che una destra con un imprenditore così abbia portato l'Italia in questo stato di malato terminale.
Ciao a tutti, e smette di scambiare Berlusconi per la destra. Lui non è la destra, lui è Mediaset, Fininvest, ecc. ecc.
Avete mai pensato che tutti i miliardi che prende con la pubblicità glieli paghiamo noi, altro che il suo spot in cui dice "ti diamo tutto senza chiederti niente".
Per restare a galla deve inventarsi balle una più grossa dell'altra. Questa volta mi sa proprio che dovrò votare la sinistra!
R.Z.

Ale ha detto...

Grillo sta seriamente pensando di scendere in campo, e ora comincia a prendersela anche con la Sinistra visto che non vogliono garantirgli un posto in tv!ALE

TjBosss ha detto...

Post ridicolo e senza senso .Beppe prende in giro tutti, destra, sinistra centro, sotto e sopra .Ma sarebbe nei suoi diritti ( chissà per quanto tempo avremo ancora dei " diritti ") parlare solo della Dx. Cosa ci sarebbe di male?Ognuno dice cio' che vuole!O no, scusate ?Se lui vuole parlare male di Berluskaiser, che lo faccia.Se andate al suo spettacolo vedrete che parla molto peggio del " Mortadella " e non le manda a dire neppure a quel copione di DiPietro.
Quindi, Leghisti, Destrorsi e prezzolati vari, lasciate perdere ! Grillo e' un uomo Libero, e da uomo Libero si comporta : fa come vuole !

J.A. ha detto...

Rimane l'arcano di come si faccia a scrivere post che si scagliano contro la Parmalat nominando perfino i figli dei secondi cugini dell'avvocato della zia di Tanzi senza mai nominare De Mita.
Che è il capolista nella lista principale della sx nella più grande regione di centrosinistra.

Anch'io sono un uomo libero e come tale ho diritto a criticare Grillo quando dice fesserie.

Luca ha detto...

Per ora del tuo blog ho letto solo questo post, ma posso dirti che SEI UN GRANDE. Basta con queste ipocrisie, chiunque sia in vista mira solo ad una cosa: il potere (con tanto di schiavetti al seguito) nelle più svariate forme.
Ad ogni modo permettimi un consiglio: a meno che tu non sia un po' masochista, o non abbia molto tempo da perdere, lascia perdere i "tifosi", sia di dx che di sx, portano solo a polemiche sterili e non vorranno mai ammettere di aver torto.
Buona serata,
Luca

Anonimo ha detto...

Grillo sa bene come fare i soldi, è lo stesso modo con cui i sindacati si arricchiscono sulla gente ignorante e pecorona. Meditate con la vostra testa.
Piermario.

Anonimo ha detto...

riguardo alla barca di D'Alema:

Sembra che Baffino abbia in comproprietà con altri due amici la sua (fottutissima) barca, che costa tra gli 800 e i 900 mila euro. E dà una giustificazione di dove ha preso (legalmente) i soldi per il leasing: «Mio padre lasciò una casa in Umbria e io decisi di venderla per, appunto, comprarmi poi una barca. Devo ammettere che fu una sorta di "scandalo": vendere una casa per una barca... ma tale meraviglia appartiene solo a chi ha dei pregiudizi sul mondo della nautica».
Comunque il leader dei DS qualche guaietto con la giustizia l'ha avuto: «Fu indagato a Bari per un finanziamento illecito ricevuto da Francesco Cavallari, il re delle cliniche pugliesi, legato alla malavita barese, che gli versò almeno una ventina di milioni. D'Alema si salvò grazie alla prescrizione. In un altro processo, un uomo di partito di nome Cesare De Piccoli fu accusato (e poi prescritto) di aver ricevuto dalla Fiat 200 milioni su un conto in Svizzera: una tangente finalizzata alla campagna elettorale della corrente politica veneta facente capo all'onorevole Massimo D'Alema. (by Travaglio)»

Anonimo ha detto...

Secondo me vi brucia che il blog di grillo sia il più visitato.

Bistek ha detto...

E' facile fare un blog con tante visite se ti chiami Beppe Grillo e spari a zero, per mestiere, su tutto ciò che si muove... è esattamente quello che si aspettano le testoline rosse, sempre più avvezze a piangersi addosso e a criticare chi lavora veramente...

Grillo, che in fondo è una persona intelligente, l'ha capito e ci campa sopra... con tutti quei salami che pendono dalle sue labbra è facile fare il pifferaio magico...

Anonimo ha detto...

mi sa che gli brucia un po' troppo a questi fascistoni della DX

il miscredente ha detto...

Sull'intelligente mi trovo sostanzialmente d'accordo.
Sull'onesto invece no. Perché se lo fosse veramente, potrebbe avere il coraggio di andare contro corrente. E, se non avesse il coraggio, sempre per onestà dovrebbe almeno tacere anziché dire cose non vere o parziali.
In sostanza, Grillo dovrebbe solo vergognarsi.

Ciao.

il miscredente

Marco ha detto...

Domanda: "Ma il fatto di scegliere o meno un candidato non dovrebbe dipendere dal cittadino secondo coscienza?"

Spiacenti ma dobbiamo informarvi che la nuova legge elettorale vi ha tolto questo diritto. Infatti nelle prossime elezioni sono stati aboliti i collegi uninominali: l'elettore, anziché votare direttamente su due schede separate il candidato prescelto nel proprio collegio uninominale (parte maggioritaria) e la lista da egli preferita, da cui eventualmente scegliere un candidato (parte proporzionale), si limiterà a votare la lista stessa. Le liste dei candidati saranno chiuse e le graduatorie indicate direttamente dai partiti stessi.
Domanda: "E' vero che molti politici che sono in parlamento non potrebbero fare nemmeno il sindaco?"

Vero. Il Decreto Legge 18 agosto 2000, n. 267 regolamenta i criteri per accedere alle cariche di sindaco dei comuni. E' possibile notare come esistano diversi vincoli alcuni dei quali riguardano le condanne penali. In base a questi vincoli alcuni dei parlamentari non potrebbero candidarsi nemmeno come sindaco.
Ad esempio il caso dell'Dipendente Rocco Salini: è stato costretto, per legge, a dimettersi dalla carica di Assessore Regionale, ma ha potuto tranquillamente essere eletto in Parlamento.
Domanda: "Possiamo fare qualche cosa per cambiare questo andazzo?"

Si. La nostra Costituzione permette attraverso l'Articolo 71 della Costituzione l’esercizio di alcune forme di democrazia diretta, come la possibilità per i cittadini di proporre leggi in Parlamento direttamente, raccogliendo 50 mila firme.
Domanda: "Come la mettiamo con la magistratura pilotata?"

Anche nella magistratura esistono sicuramente le "mele marce" ma questo non ci deve far dimenticare che alcuni parlamentari hanno effettivamente commesso reati, anche gravissimi, che vanno dal furto alle tangenti e altro.
Non c'è dubbio che la corruzione va combattuta su tutti i livelli, anche su quello della magistratura... ma, pensate che chi ha evaso, corrotto, preso tangenti e infranto leggi si preoccupi di riportare la legalità?
Ed infine voglio far notare che attacchi alla magistratura arrivano da persone che come ben sappiamo erano iscritte alla P2 (tra queste anche Silvio Berlusconi e Forza Italia ne è piena). L'obiettivo della P2 era, tra gli altri, il controllo della magistratura. Fa "sorridere" che proprio queste persone ora lamentano una magistratura non imparziale.
Come ha sottolineato la Commissione Stragi, Relazione Pellegrino, capitolo ottavo "La svolta del 1974 e il Piano di rinascita democratica":

"il risultato finale di tutta l'operazione avrebbe dovuto restituire una magistratura più controllata (con la diversa regolamentazione degli accessi e delle carriere) e meno autonoma (con la modifica del C.S.M.); un Pubblico Ministero separato e legato alla responsabilità politica del Ministro di giustizia; un Governo il cui presidente viene eletto dalla Camera, libero da condizionamenti del Parlamento e i cui decreti non sono emendabili; un sistema della rappresentanza congelato con elezioni a scadenza rigida e simultanee per il Parlamento ed i consigli regionali e comunali; un Parlamento profondamente modificato e ridimensionato nella composizione e nelle funzioni; una Corte costituzionale ricondotta in argini più ristretti attraverso il divieto delle sentenze cosiddette additive; una amministrazione forte nei suoi apparati da contrapporre alla fragilità del controllo politico esercitato su di essa, una struttura sociale più rigida e meritocratica, una stampa più controllata, un'economia libera da eccessivi condizionamenti".
Domanda: "Se il parlamentare condannato ha scontato la sua pena, è giusto discriminarlo?"

Questa discriminazione esiste già a livello di sindaci, presidenti di regione etc... tranne che per i parlamentari. (Forse sarebbe giusto chiedersi se non sia questa la vera discriminazione.)
Comunque, alcuni parlamentari condannati hanno evitato il carcere pagando multe anche salatissime.
Ora, secondo voi, se già si dice che il carcere non riabilita le persone, quelli che lo hanno saltato a piè pari in che modo si sono riabilitati?
Comunque facciamo un esempio pratico: un ladro di appartamenti esce dal carcere e si propone come custode al supermercato o come custode a casa vostra.
Noi pensiamo che una volta commessi certi tipi di reati non dovrebbe più essere concesso di ricoprire determinati incarichi.
Domanda: "La fedina penale pulita è l'unico requisito che dovrebbe avere un parlamentare?"

Assolutamente no, il fatto di non avere condanne per reati gravi è un requisito indispensabile ma non sufficiente.
Anche una mummia non ha commesso reati gravi ma di sicuro non farà grandi cose in parlamento...
Domanda: "A chi vi taccia come populisti cosa rispondete?"

Per sentire della vera demagogia basta accendere la tv e ascoltare alcuni politici che screditano completamente le istituzioni. C'è chi dice che tutta la magistratura è corrotta ad esempio, senza nessuna prova, solo per scaldare gli animi.
Noi parliamo a ragion veduta, con dati certi e documentati. Non stiamo dicendo che "tutto è marcio" o che "sono tutti ladri", queste affermazioni sono populiste.
Noi chiediamo che chi ha commesso gravi reati penali non deve ricoprire un ruolo in parlamento.
Non stiamo scaldando gli animi, stiamo invitando i cittadini a ragionare, pacatamente, fornendo loro dati.

Domanda: "A chi vi taccia come giustizialisti cosa rispondete?"

"Ecco i soliti puristi!" oppure "Ecco i soliti con il pallino della giustizia!!" Ormai in Italia la questione morale è finita sotto le suole dei nostri politici. A rispettare le regole si passa per "scemi del villaggio", a chiedere che le rispettino gli altri si passa per "rompipalle mai contenti".
Per capire come il rispetto delle regole sia la cosa più importante in una vera società democratica vi invitiamo a pensare a questo: giochereste mai una partita di pallone contro una squadra che ha comperato l'arbitro e i cui giocatori prendono anabolizzanti?
Certo che no, perchè se non si rispettano le regole che cavolo di partita è?
E' completamente inutile allenarsi e giocare lealmente se dall'altra parte le regole non esistono!
E' completamente inutile il risultato della partita perchè la partita non ha piu senso!
Per questo motivo il rispetto delle regole e della giustizia deve essere al primo posto!

J.A. ha detto...

Ciapa fià...

lucato ha detto...

...non è coerentissimo il post, anche perchè lo stesso grillo ha più volte spiegato che non è assolutamente nelle sue intenzioni candidarsi, addirittura raccontando pubblicamente della sua condanna e dell'episodio che l'ha determinata (incidente d'auto...in cui comunque rischio anche la propria di incolumità)...

Anonimo ha detto...

E' incredibile come una persona (l'autore di questo blog) possa farselo mettere nel culo da chi lo comanda e neanche accorgersene. Anzi è convinto che sia una cosa molto piacevole

Niknet ha detto...

scusa,come mai non hai citato silvio nel tuo elenco?

carlo ha detto...

Le cose che dice Grillo io le prendo come informazione e basta, la quale si aggiunge a tanta altra informazione proveniente da tante fonti.Ad esempio stasera anche questo blog!
Quà nessuno è scemo e coglione che si fa l'opinione solo leggendo il blog X o quello Y, o pende dalle labbra di qualcuno.
Resto dell'opinione che Grillo non dovrebbe fare quel genere di informazione, che dovrebbe competere ad un altro settore...ma quel settore su questo piano è definitivamente fallito. Ora vediamo cosa si riesce a fare con la rete.

Anonimo ha detto...

tante parole ma dimentichiamo la cosa principale: non dobbiamo votare il partito che ha come leader un mafioso.

tutto il resto è relativo (e cioè stessa merda), ma il Nano è sicuramente il male maggiore.

mafia ragazzi, si parla di mafia.

prima la mafia aveva contatti a Roma, adesso è lei che comanda.

open your mind.

Anonimo ha detto...

rileggiti la storia e leggi bene il capitolo " fascismo " ne trarrai delle utili informazioni ciao

Anonimo ha detto...

fa comunque piacere saper di essere in tanti ad interessarsi di politica... Vigiliamo ragazzi, vigiliamo come tante piccole lucciole pronte ad illuminare la scena quando la situazione si fara' piu' pesante.

Marco Penno ha detto...

Mi fai proprio ridere: Dell'Utri é stato condannato per concorso esterno in associazione mafiosa, vergognati!! Si sospetta che Forza Italia sia nata su suggerimento della mafia e a riguardo Berlusconi si è avvalso della facoltà di non rispondere, come ha fatto ultimamente il suo e forse anche tuo amico Provenzano.
Mi dispiace ma Beppe Grillo (che io stesso spesso critico) non ha mai detto di votare DS, anzi li ha criticati duramente.
Ha detto che gli unici partiti senza condannati sono:
Italia Dei Valori
Comunisti Italiani
Rifondazione Comunista
Verdi
http://www.beppegrillo.it/partiti_puliti.php
E per finire aggiungerei:
VERGOGNATI!!!
P.S. Tutti i partiti che si definiscono comunisti sono puliti, sarà per le toghe rosse? Rifletti un po' credulone dei miei stivali

Anonimo ha detto...

Ma fatevi furbi!
La rete è bella perchè è varia....leggi qualcosa sul blog di grillo, poi prendi un qualsiasi motore di ricerca, inserisci le parole chiave e con 100 risultati della ricerca leggi l'argomento da diversi punti di vista!
Lo piglia in culo solo chi non ha tempo o voglia di informarsi
Beppe non è sicuramente imparziale ma è uno dei meno peggio...certo c'è chi legge il blog di grillo e chi guarda il tg di fede o il grande fratello.
Sempre più convinto che se un comico deve cercare di essere l'anima critica della società siamo proprio in un paese di merda

Anonimo ha detto...

il vero problema dell italia è la politica.Esistono 2 grandi linee d pensiero quella d destra e quella d sinistra...ke invece di darsi consigli a vicenda di risolvere veramente i problem del paese stanno li a litigare come i bambini all asilo...Grillo critica sia i politic d destra ke quelli d sinistra...e quando dice ke abbiamo 23 condannat in 3grado in parlamento purtroppo dice una cosa vera...e x me è giusto ke ki fa le leggi dev essere una persona ke le leggi le rispetta..e poi come fate a criticarlo?parla d problemi reali e da anke consigli sensati..xo se continuiamo kon la mentalità ke se un critica la destra è x forza un comunista e se uno critica la sinistra è x forza un fascista nn si andrà mai avanti...e poi kiedetev xkè lo censurano in tv..un motivo c sarà..i politici c vogliono ignoranti voglion ke seguiamo i reality e il tg4...X fenire vorrei dire ke siamo tutt italian e ke a noi giovan ke il govern sia di dx o di sx ci va sempre in quel posto..quind svegliamoci kon internet e con i blog si puo dare tanta informazione..Ntò

Anonimo ha detto...

Interessante leggere

IL COLPO DI STATO DEL VDAY

Di Domenico Gatti del Canna-Power Team

su
http://www.fottilitalia.com/
che si definisce "il sito anti-italiano per eccellenza"

Anonimo ha detto...

tra le persone che ci prendono per i fondelli e ci fanno piangere preferiamo uno che ci piglia per i fondelli mentre ridiamo, cosi sdrammatizziamo, no?
Povero grilletto spara spara ma dove e verso chi? Ehi, anni fa per UNA parola si finiva tra i calcestruzzi di un palazzo, ora si parla di mafia allegramente mah, chissà, a buon intenditor poche parole.

forestiero ha detto...

a me sembra incredibile che così tanti italiani abbiano bisogno di un leader come beppe grillo, che sentano la necessità di un giullare che pensi e parli per loro; mah... dirà pure cose giuste, ma a me sembra che abbia scoperto l'acqua calda. ma insomma, ma c'è davvero bisogno dell'intervento di beppe grillo in codesto paese per risvegliare un minimo di coscienza e dignità nella gente?

all'estero tutta questa storia viene presentata come il solito teatrino tragicomico italiano, curioso e buffo. che tristezza.

faccio i miei compimenti all'autore di questo blog, che trovo molto interessante e che adesso mi salverò tra i preferiti.

cordiali saluti

Anonimo ha detto...

W Grillo e basta!

Anonimo ha detto...

Grillo fa i soldi? Avete mai dato un soldo a Grillo? Avete mai pagato 15000 ogni mese per pagare Grillo? Meglio darli a questi schifosi che voi avete anche il coraggio di andare a votare...! Vero?

Tirate fuori un pò di materia grigia prima di sparare cazzate...

Tanto per aggiungere una cosa: cercate pubblicità a siti esterni sul sito di Beppe... Lui che lo fa per soldi.

Mah!

Anonimo ha detto...

Grillo propone di mandare a casa certa gente che sicuramente di difenderai.. berlusconi è il primo ad avere processi alle spalle per mafia, corruzione ect.. ect..

CONTINUATE A DIFENDERE I VOSTRI CARI POLITICI xenofobi e che fanno pura demagogia.

Ad un certo punto penso di non voler piu’ essere Italiano.
Il mondo deride del nostro paese per tutta la corruzione che c’è, i conflitti di intaresse e per quello che un uomo solo può manipolare facendoti credere cio’ che vuole lui.

Il pensiero è ormai manipolato.
Tutti si basano per quello che vedono solo e solamente in tv
SE QUALCOSA NON APPARE IN TV, NON ESISTE.

Interessatevi, leggete e documentatevi anche tramite youtube chi sono Berlusconi, Previti, la P2…..
Giuro che se vince ancora Berlusconi mi trafserisco in un paese piu’ libero

LIAM ha detto...

AGGIUNGO…

CHISSA’ PERCHE’ GRILLO NON HA PIU’ UN PROGRAMMA IN TV DAL 1993?

E COME LUI LA GUZZANTI???

COME MAI??

QUELLI COME TE SONO FIGLI DI QUESTA PARTE D’ITALIA COSI’ SUPERFICIALE.

E COME DICEVA EINSTEIN A PROPOSITO DI NON USARE IL NUCLEARE:
NON FATE CIO’ CHE LE VOSTRE COSCIENZE VI DICONO CHE E’ SBAGLIATO.

Anonimo ha detto...

Forse non è più in TV perchè la diffamazione, guarda caso, è reato. C'è differenza tra satira e reato, sai? Sei uno di quelli che non rispetta la legge o che pensa di usare il potere della TV per fare propaganda politica? Non per altro, Grillo faceva proprio quello, politica e io non ho intenzione di pagare il canone per vedere uno che sputa sugli italiani...

-Andrea-

Anonimo ha detto...

La ringrazio per intiresnuyu iformatsiyu

Anonimo ha detto...

Perche non:)

Anonimo ha detto...

La ringrazio per intiresnuyu iformatsiyu

Anonimo ha detto...

Una piccola puntualizzazione:
in Italia se si ha la fedina penale sporca non si può neanche FARE IL BIDELLO! Figuriamoci rappresentare la nostra immagine pubblica, fare leggi e decidere per il paese! E chi sostiene diversamente o è in cattiva fede o si è degli idioti

Condividi questo post con i tuoi amici!