sabato, aprile 29, 2006

Ve lo do io il governissimo

La moda del momento sembra essere giocare al Totoministri, noi non ci tiriamo indietro è pubblichiamo La Lista. Sfidiamo chiunque a trovare una squadra di governo migliore della seguente.

Come Capo del governo ho scelto Monica Vanali per il suo portamento presidenziale.
Il Vicepresidente del Consiglio, la spalla del leader, è la Spalla per eccellenza: Mauro Repetto. Nei vertici internazionali, mentre la Vanali discute con i leader mondiali, l'ex 883 avrebbe il compito di accompagnare le contrattazioni con un'adeguata coreografia.

LA SQUADRA:
Interno - Arrigo Sacchi
Esteri - Ilaria D'Amico
Economia e finanze - Flavio Briatore
Difesa - Giancarlo Magalli
Beni Culturali - Marino Bartoletti
Istruzione, universita' e ricerca - McGyver
Salute - Milly Carlucci
Turismo - Claudio Cecchetto
Giustizia - Chuck Norris
Comunicazioni - ABOLITO
Attivita' produttive - Franco Califano
Ambiente e tutela del territorio - Kristian Ghedina
Politiche agricole e forestali - ABOLITO

E ovviamente, come già avevano scelto i lettori di Atrocepensiero:
Presidente della Repubblica - Jerry Cala'

venerdì, aprile 21, 2006

Dama: lo scontro per il titolo assoluto

Nella foto: Il Presidente della Fid Renzo Tondo (gia' Presidente della Regione F-VG e neo deputato per Forza Italia) intervista Idris, ospite dell'evento, impegnato in una partita a dama internazionale con il Grande Maestro Borghetti sotto gli occhi del Maestro De Grandis (al centro).

E' iniziato ieri il match di spareggio per l'assegnazione del titolo di Campione Italiano Assoluto di Dama Italiana. I contendenti al titolo sono il Maestro Mirko De Grandis di Chioggia e il Grande Maestro Michele Borghetti di Livorno. L'evento e' organizzato dal comune di Tarvisio (UD) e durera' 4 giorni in cui i 2 campioni si sfideranno per 16 volte.
Michele Borghetti e' il classico extraterrestre, definirlo come l'Eddie Merckx della dama italiana e' sicuramente riduttivo: 33 anni (che in un gioco dove si puo' essere competitivi fino ad 80 sono veramente pochi) l'anno scorso ha vinto il suo decimo titolo italiano assoluto, il sesto consecutivo. Domina la classifica Elo-Rubele (un analogo dell'Atp del tennis) da tempo immemore ed e' piu' difficoltoso per noi ricercare un record che non detiene di quanto non sia per lui conquistarlo. Tra questi, il piu' incredibile e' sicuramente quello a cui il sottoscritto ha avuto l'onore di partecipare nell'estate 2003: una simultanea di 23 partite giocate alla cieca. Traduzione: Borghetti, bendato, ha sfidato contemporaneamente 23 avversari "vedenti" comunicando le mosse mediante i numeri della damiera. Dopo oltre 6 ore di gioco, l'impresa e' stata portata a termine con 17 vittorie e 6 pareggi. (Per la cronaca io ho perso).
Mirko De Grandis e' l'eterno secondo: il Chiappucci della damiera, il Toto Cotugno dei Campionati Italiani. Gioca ad altissimi livelli da oltre 20 anni, ma non è mai riuscito a conquistare il titolo più ambito che gli avrebbe permesso di fregiarsi della nomina di Grande Maestro. Ci è andato vicinissimo come nessuno nella storia dei campionati italiani: in una competizione a girone unico all'italiana, in cui il match di spareggio e' necessario solo nei rari casi di ex aequo alla fine del torneo regolamentare, De Grandis detiene il singolare primato di averne disputati (con questo) ben 3. La prima volta fu battuto dal veneziano Nicola Fiabane (che presumo sia il titolare di questo blog), un altro giovane extraterrestre della dama che purtroppo ha abbandonato l'attivita' agonistica (approfittiamo per rivolgergli un appello a tornare a giocare!). La seconda è stata la volta del match-thriller contro Borghetti: dopo una serie interminabile di partite a tempo sempre piu' ridotto il risultato rimaneva sempre di parita', nessuno riusciva a strappare una vittoria, il regolamento pero' non contemplava l'assegnazione del titolo ad ex aequo, quindi si opto' per il piu' antico e maligno dei metodi: la monetina. Indovinate chi vinse? A distanza di anni poi, la Fid assegno il titolo di Campione Italiano Assoluto 1997 ad entrambi, ma si sa...non è la stessa cosa...ed il titolo di Gran Maestro non gli fu assegnato.
E siamo giunti alla terza: stavolta non ci sarà alcuna monetina, il nuovo regolamento prevede infatti che nel caso di pareggi ad oltranza si disputeranno un numero dispari di partite in cui, a turno, uno dei 2 giocatori avrà un tempo di riflessione molto inferiore dell'avversario, ma il pareggio assegnerà un punto al giocatore penalizzato dal cronometro.
E' chiaro quindi che qui, non ce ne voglia il grande Borghetti, si fa il tifo per Mirko.
Sembra pero' che le cose non si stiano mettendo bene: attualmente il risultato dopo 8 partite è di 10-6 per Borghetti che è riuscito ad imporsi nella prima e nell'ottava partita, capitalizzando il vantaggio che le aperture, rispettivamente 2N (Nero molto avvantaggiato) e 1N (Nero leggermente avvantaggiato), gli fornivano, impresa non riuscita a De Grandis nelle medesime partite a colori invertiti.

foto da www.fid.it

UPDATE: Borghetti vince il suo 11esimo titolo italiano assoluto con 3 vittorie e 13 patte

giovedì, aprile 20, 2006

SIMPSONPOLITIK #2

Ulteriori somiglianze tra Springfield e Montecitorio.



Cletus (Il "bifolco allocco") - Piero Fassino


Reverendo Timothy Lovejoy - Gianfranco Fini


Kirk Van Houten - Marco Follini


Boe Szyslak - Alfonso Pecoraro Scanio

(precendenti)
continua...

foto tratte da:
http://capefeare.com
http://vcard.homer-simpson.de
http://www.msyf.com.ar
http://politicablog.info

martedì, aprile 18, 2006

Macabre marketing

La sera di Pasqua ho ricevuto la telefonata di un amico:
-Pronto? Ciao, sono qui a Vittorio [Veneto] davanti all'epigrafe di Lucio Gava, sai qualcosa?-
-Ehhhh????!!!!-
-Eh, son rimasto di merda anch'io... sono qui in centro... c'e' scritto "si e' spento serenamente Lucio Gava di anni 22...i funerali si svolgeranno martedi' 18 alle ore 15..."-
-Oggi mio zio mi ha chiesto se sapevo qualcosa di un incidente che avrebbe fatto uno dei fratelli Gava, ma...schiantarsi con la macchina non mi sembra un modo di "spegnersi serenamente"...-
-Che sia uno scherzo di pessimo gusto?-
-Mah... mi sembra strana questa coincidenza con la storia dell'incidente e poi chi vuoi che sia cosi' idiota da fare uno scherzo del genere?-

LUI.

Ovviamente la voce dell'incidente si e' autoprodotta come nelle migliori leggende metropolitane.
Consiglio a Lucio Gava: la prossima volta che cerchi pubblicita' gratuita fai pure qualcosa di eclatante, di scandaloso, di irriverente, di provocatorio, che ne so... sali il Monte Altare di corsa in tanga, autoreggenti, tacchi a spillo e una banana nel culo, oppure dichiara di essere il figlio segreto di Don Mazzi e Mara Venier, oppure fatti legare al semaforo davanti a casa tua con del nastro adesivo reggendo un cartello "Maria De Filippi ti amo", insomma: fai quello che vuoi ma lascia stare i morti.

UPDATE> Nuovo articolo del Gazzettino
Precisazioni:
1. "sono andato fuori a dormire"?...mmhhh...secondo me Mario ti ha chiuso fuori;
2. e io che mi credevo che esistessero veramente le onoranze funebri "Metroial";
3. nell'epigrafe non era citato alcun incidente;
4. il cartello "Maria De Filippi ti amo" avrebbe scosso maggiormente e fatto riflettere di piu';
5. non e' vero che la le
gge non prevede multe in casi come questi: si tratta di un affissione pubblicitaria a tutti gli effetti, quindi mancando il timbro del comune la multa sarebbe doverosa.

venerdì, aprile 14, 2006

GESP: Analisi dei nuovi equilibri delle coalizioni

Ripropongo i Gesp aggiornati con i dati delle ultime elezioni.


Come si può notare il raffronto dell'attuale Unione con la coalizione del 1996 (crollata dopo neanche 2 anni per chi se lo fosse dimenticato) è impietoso: I Ds hanno drasticamente ridotto il loro peso e anche la Margherita è ad un livello inferiore rispetto alla somma dei partiti dai cui deriva. La frammentazione è aumentata e l'estrema sinistra non ha avuto sostanziali diminuzioni.

La serie storica si commenta da sola...

Per quanto riguarda il centrodestra, non mi sembra ci sia nulla di eclatante, recupero dell'Udc ai danni di Forza Italia (ma non è una novità, purtroppo...) e equilibri che forse assomigliano di più a quelli del '96.

Note:
1.
I partiti valutati sono quelli che hanno conquistato almeno un seggio in una delle 2 camere, anche se grazie a candidature in liste di altri partiti.
2. Per semplicità, i dati presi in considerazione sono quelli a sistema proporzionale su scala nazionale.
3. La colonna Dc-N.Psi è da riferirsi come "Socialisti Uniti" nelle precedenti elezioni, in realtà sarebbe corretto nel 2006 rappresentare 2 colonne, ma le proporzioni fra le 2 componenti sono ignote poichè per la Dc non ci sono dati elettorali precedenti.
4. Quando 2 partiti distinti si presentano alle elezioni sotto un'unica lista (es. RnP) si sono rispettate le proporzioni dell'ultima consultazione in cui tali partiti si siano presentati distintamente.
5. La segnalazione di eventuali errori è gradita.

Il file Excel è scaricabile qui. Se il grafico vi interessa vi consiglio di guardarlo dal file .xls perchè puntando sulle singole colonne avrete l'etichetta che vi dà i valori esatti e non si rischia di essere ingannati dalla prospettiva.

A proposito di frammentazione.

giovedì, aprile 13, 2006

SIMPSONPOLITIK #1

Se i nostri politici fossero dei Simpson, quali personaggi sarebbero?
Ecco i primi innegabili alter ego a Springfield.


Silvio Berlusconi - Troy McClure


Romano Prodi - Hans Uomotalpa


Roberto Calderoli - Barney Gumble


Clemente Mastella - Commissario Winchester

continua...?

martedì, aprile 11, 2006

Avevamo promesso...

...e manteniamo!
Perchè di pareggio si tratta. Lo so, probabilmente loro se ne staranno a Palazzo Chigi per qualche mese e allora?
Forse non ci rendiamo conto di cosa abbiamo fatto. Ci davano per morti. Senza speranze. Finiti. Abbiamo la maggioranza dei consensi (non dei seggi) al Senato, alla Camera siamo sotto di 25mila voti. 25mila voti: 1/3 dei voti della Lista Consumatori, la metà dei voti contestati, insomma: abbiamo pareggiato! E chissenefrega se perdiamo al lancio della monetina!

Allow me to conclude with a story:
Bepi Ros, è un ex-pugile degli anni '70. Originario di Santa Maria di Piave, di umili origini è stato uno tra i più grandi pesi massimi della storia della boxe italiana. Nel '73 il "contadinotto veneto" va a sfidare il plurititolato campione inglese Joe Bugner, a Londra. Il tozzo e sgraziato polentone, contro l'atletico e aitante divo da copertina. Bepi Ros è dato per perdente, si scommette solo sul round del suo ko. Al suo ingresso al palazzetto, il pubblico inglese lo deride e si domanda come potesse quell'italiano cicciottello permettersi di affrontare sua maestà Bugner. L'incontro ha inizio: i round passano, ma Bepi non ne vuole sapere di andare al tappetto, incassa molti colpi, ma la sua scorza è dura e non ne risente, al contrario il volto di Bugner è sempre più grondante di sangue. Bepi colpisce con meno frequenza, ma fa più male. Il pubblico gradualmente comincia a sostenere il coriaceo veneto e viene sempre più conquistato dalla sua tenacia. Alla fine del match tutto il palazzetto è con Ros. Joe Bugner esce tra i fischi. Per Bepi Ros ovazioni e applausi di tutto il pubblico inglese.
Chi ha vinto il titolo? Bugner. Ai punti. Ma è proprio così importante?

In questo momento siamo tutti Bepi Ros, abbiamo ribaltato i pronostici, abbiamo dato ai soliti spocchiosi una batosta inimmaginabile, abbiamo conquistato la "vittoria morale".
La prossima volta (e sarà molto presto) ci riprenderemo anche il titolo.

che spettacolo quando giochiamo noi / non molliamo mai / Loro stanno chiusi ma / cosa importa chi vincerà / perché in fondo lo squadrone siamo noi / lo squadrone siamo noi

Sassolini nelle scarpe

Riflessione#1
Avevano detto che quel solito imbroglione di Berlusconi si era fatto fare un sondaggio su misura che prevedeva un pareggio, mentre i "loro" dati prevedevano un vantaggio del 5% per la sinistra. Chi aveva ragione alla fine? Confronta con i risultati.

Riflessione#2
Avevano detto che quegli imbroglioni della destra avevano varato una legge truffa che avrebbe impedito alla sinistra (che ovviamente doveva vincere) di governare. E' successo esattamente il contrario: alla Camera il premio di maggioranza garantira' una maggioranza stabile nonostante la sostanziale parita', al Senato chi ci rimette e' la destra che probabilmente sara' messa in minoranza dai 6 senatori eletti all'estero, nonostante abbia in complesso preso piu' voti.

Riflessione#3
Giorgio Panto col suo Progetto Nordest, con le sue macrocazzate, col suo obiettivo doppia cifra in Veneto, porta a casa un miserrimo 3% corrispondente a 95.000 voti. Almeno l'80% di questi voti sono sottratti alla Lega Nord.
Alla Camera (secondo i dati ufficiosi, ricordiamocelo) la sinistra ha un vantaggio di 25mila voti. Senza Progetto Nordest, quindi, la Cdl avrebbe vinto alla Camera con maggioranza stabile garantita dal premio di maggioranza.
Al Senato, Panto puntava all'8% in regione per eleggere almeno un senatore. Risultato: sempre 3%. Quel 3% (ma bastava anche un 1,5%) che aggiunto al 57% della Cdl, le avrebbe permesso di strappare un altro senatore alla sinistra garantendo la maggioranza anche al Senato.

Se Prodi dovesse instaurare la sua dittatura della sonnolenza, cari veneti, sappiamo chi ringraziare.

venerdì, aprile 07, 2006

Quel giornaletto provinciale che e' il Times

Chissa' perche' in questi giorni tutta la nostra stampa cita l'attacco di Economist a Berlusconi come prova inequivocabile dell'immagine negativa che il nostro premier ha nel Regno Unito e nessuno cita il Times. Se qualcuno ha voglia di tradurselo, l'articolo su "Mr. -Genuinely Grey- Prodi", lo trova qui.
Estratto dall'articolo:
"Naturally, the members of the coalition disagree on everything, from the environment to marriage, and so the 300-page manifesto for the Prodi campaign is a triumph of political contortion, desperate to avoid offending anyone within the coalition, and thus ambiguous and incoherent."

giovedì, aprile 06, 2006

Le prime immagini delle schede elettorali

Il mio caro amico Beppe Pisanu mi ha appena spedito via e-mail le immagini delle schede elettorali su cui voteremo. In esclusiva :) per Atrocepensiero ecco i fac-simile delle schede per:

la Camera (Veneto 2)

ed il Senato (Veneto)

Non potrò votare per il Senato, ma idealmente la mia X va sul simbolo dei Riformatori Liberali-Radicali per le libertà.

Tutte le altre schede qui

Standing ovation

"...ho lasciato l'incarico di presidente della Commissione europea salutato da una standing ovation del Parlamento europeo..." Corriere della Sera - 28 settembre 2005

Come no?!

Per la serie, "i sinceri democratici", linkiamo questo.

Perdona l'accostamento Watergate...

mercoledì, aprile 05, 2006

Un alfabeto di ragioni... (S-Z)

...per cui sceglierò il centrodestra alle prossime elezioni!
(A-D) (E-H) (I-N) (O-R)

S come Stabilità:
Berlusconi è il primo Premier della storia della Repubblica Italiana a governare per 5 anni di fila. Prodi nel 1996 con una coalizione meno frammentata di quella che si ritrova adesso è durato 2 anni. Vogliamo riprovare?
T come TAV: Nell'Unione si dividono equamente tra favorevoli, contrari e "rispetteremo il programma" (da cui non si capisce un bel niente).
U come Unipol: Sarebbe uno scandalo finanziario enorme se non fosse per il fatto che, per definizione, a sinistra stanno solo i buoni e gli onesti.
V come Vittimisti: La lagna del "Berlusconi lupo cattivo" ha raggiunto in questi 5 anni dei livelli ai limiti del grottesco. Io non mi fido di chi si piange addosso.
Z come Zapatero: La sinistra ha trovato il suo punto di riferimento! Peccato che ne trova uno nuovo ogni volta che un partito di sinistra nel mondo vinca. E' successo con Clinton, con Schroeder e Blair, tutti scaricati una volta divenuti impopolari a sinistra. Evidentemente le adozioni alle coppie gay e il far sparare ai clandestini che tentavano di entrare in Spagna non è ritenuto abbastanza impopolare.

Pubblicate anche voi il vostro alfabeto di ragioni e vi linkerò con piacere!
Hanno gia' aderito: Mid class, Fabio Gava, Blog Politik,

martedì, aprile 04, 2006

Comunque vada sarà un successo

Quando dopo 5 anni di governo il "giornale della grande borghesia" ti dichiara apertamente guerra;
quando i vertici di Confindustria ti danno addosso, ma la base degli imprenditori è con te;
quando quelli che ti davano del demagogo fanno questi manifesti e questi spot;
quando i tuoi avversari in homepage ci mettono la tua foto, pubblicano i tuoi manifesti e si riducono perfino a truccare uno stupido test (provate a rispondere 6 sì e 6 no);
quando per batterti, i comunisti si alleano ai radicali per sostenere un democristiano;
quando il film su (contro) di te è l'evento cinematografico dell'anno;
quando loro hanno questi testimonial;
quando il tuo avversario promette di "organizzare la felicità" e ti accusa di essere un venditore di sogni;
quando tutti ti danno per sconfitto, proclamano il declino del mito, il tramonto di un'era, ma ciononostante parlano ancora di te, solo di te e del duello televisivo che hai dominato;
quando c'è più entusiasmo fra quelli che dovrebbero perdere che tra quelli che dovrebbero vincere e le tue chance di vittoria ritornano a salire;
quando accade tutto questo...indipendentemente dalle elezioni...
HAI VINTO.

Hai dimostrato che nella vita, c'è sempre chi ha una marcia in più.
(Qui se non visualizzi il video)

lunedì, aprile 03, 2006

Un alfabeto di ragioni... (O-R)

...per cui sceglierò il centrodestra alle prossime elezioni!
(A-D) (E-H) (I-N)

O come Oliviero: "Ai mercati vorrei dire che il Paese con la crescita economica maggiore è la Cina comunista". Oliviero Diliberto. Comunisti Italiani. Già Ministro della Giustizia per il centrosinistra.
P come Parmalat: Ovvero la faccia tosta di candidare Ciriaco De Mita, "amicone" di Tanzi come capolista alla Camera per l'Ulivo in Campania.
Q come Qualità: Lunardi, Stanca e Pisanu. 3 ministri semplicemente perfetti. Per chi si sia scordato di quanto male si possa governare suggerisco 2 esempi: qui e qui.
R come Ribaltoni: Con la nuova costituzione finalmente si porrà fine allo scandaloso valzer delle maggioranze che nella scorsa legislatura ha visto alternarsi Prodi, D'Alema, D'Alema II (la vendetta) e Amato al governo, sostenuti da una maggioranza non votata dagli italiani.

(S-Z)

Pubblicate anche voi il vostro alfabeto di ragioni e vi linkerò con piacere!
Hanno gia' aderito: Mid class, Fabio Gava, Blog Politik,

Condividi questo post con i tuoi amici!