martedì, luglio 11, 2006

Il Direttore marketing di Mediaworld è un genio

Come tutti sapete Mediaworld, all'inizio del mondiale lanciò la promozione "Se l'Italia vince il Mondiale, vinci il Tv". Ora che abbiamo vinto, i commenti del tipo "pensa a quelli di Mediaworld che l'hanno presa in quel posto" non si contano. Certo, finchè l'informazione è fatta da questi qua non si può pretendere che il lettore medio sia realmente informato. Facciamo un po' di chiarezza:La promozione prevedeva nel caso di vittoria dell'Italia al mondiale, per ogni acquisto antecedente al mondiale di un tv lcd o plasma di almeno 32'' (prezzo minimo 900 euro), un buono sconto di pari valore spendibile a Mediaworld entro il 31.12.06. Tradotto in free spot language significa praticare uno sconto del 50% per (determinate) spese superiori ai 1800 euro, nel caso l'Italia vinca il mondiale. Per scorrelare la promozione dall'incertezza dell'evento basta assicurarsi; sicuramente esistono delle istituzioni bancarie o assicurative dedicate a questo tipo di operazioni, ma anche se Mediaworld si fosse "arrangiata" scommettendo sull'Italia, presso bookmakers nel web, se la sarebbe cavata alla grande.
All'inizio del mondiale, Italia vincente era quotata @11 da Betfair e anche gli altri bookmakers avevano quote simili. Supponiamo, facendo un'approssimazione molto generosa, che la mole di giocate sull'Italia proveniente da Mediaworld provochi un abbassamento della quota e la porti @10 (in realtà data la quantità di giocate per un evento come il mondiale, su tutti i bookmakers, dubito possa esistere una variazione sensibile).
Mediaworld per scorrelare la sua promozione dall'esito del mondiale, basterebbe che scommettesse il 9.09% dell'importo di ogni tv venduto in promozione. Vi risparmio, la derivazione della formula matematica per l'equilibrio, ma mi limito a mostrarvi che funziona con un esempio numerico: compro un televisore da 1000 euro, Mediaworld mi pratica il (approssimiamo) 9.1% di sconto, incassa 909 euro, e i 91 euro di sconto, invece di darli a me, li scommette sull'Italia con quota di 1 a 10. Se l'Italia NON vince per Mw il costo della promozione è stato del 9.1% rispetto al valore della merce venduta. Se l'Italia vince, Mw deve "sborsare" altri 1000 euro, ma riscuote una vincita di 91x10=910 euro, quindi il buono sconto gli viene a costare 1000-910=90 euro che aggiunti ai 91 euro scommessi fanno 181 euro. 181/2000=~0.091. Quindi, anche se l'Italia vince, l'operazione gli viene a costare sempre il 9.1% del valore della merce venduta.
Ovviamente, a Mw non è equivalente praticare lo stesso sconto su un totale di 2000 euro che su un totale di 1000 e quindi è ovvio che preferisca assicurarsi per una cifra minore, praticando uno sconto effettivo maggiore nel caso della vittoria dell'Italia. Quindi, l'8% di sconto può essere ritenuta una stima abbastanza ragionevole.
In conclusione: Mediaworld con questa operazione promozionale si è fatta una pubblicità straordinaria, ha visto aumentare le vendite dei televisori lcd e al plasma del 30% per un giro d'affari di 10 milioni di euro, senza contare che i clienti che torneranno a spendere il loro buono, probabilmente acquistaranno prodotti per un valore superiore all'importo del buono.
Hanno creato tutto questo entusiasmo praticando uno sconto del 9% su spese superiori ai 1800 euro. Chiamali scemi.

18 commenti:

Anonimo ha detto...

Complimenti JA, acuto e preciso come sempre!

Bistek

Nick ha detto...

Sottoscrivo in pieno i complimenti di Bistek!
Chapeau!
:-)
Nick

Xyjlo ha detto...

gran bello studio. mi sono elevato or ora dalla massa.

Anonimo ha detto...

Sapevo che il gruppo fujitsu-siemens, per un'operazione analoga, aveva appunto utilizzato "l'arma" della scommessa con diversi tassi in base alle quote dei BM (per l'italia 15% del capitale re-investito.. mica fagiolini..) per ogni nazione dove avevano fatto promozione. Però ad esser sincero per MediaWorld non sapevo nulla, nè scommesse, nè assicurazioni (il che sarebbe davvero strano... ma ovviamente saggio non pubblicizzarlo), tu hai qualche dato più preciso?
Grazie,
Luca

P|xeL ha detto...

Complimenti per l'analisi... finalmente un pò di chiarezza. Erano giorni che leggevo un pò ovunque "di tutto e di più" a riguardo...
Certo, per il cliente è una bella fortuna comunque... ritrovandosi una bella cifra da spendere.
Peccato non averne approfittato...
Ciao,
P|xeL

J.A. ha detto...

Grazie a tutti dei complimenti.
Dati non ne ho, questa è solo una stima che dà un'idea dell'eventuale prezzo di un'assicurazione. Con questi costi, mi sembra naturale che abbiamo stipulato una tale assicurazione. Su qualche blog ho letto che sarebbe stato il gruppo Lloyd ad assicurarli, ma non so se sono fonti attendibili.

extravergine di Prodi ha detto...

Senza dimenticare che Media World non è solo in Italia!
Inoltre secondo il regolamento del concorso MW si poteva benissimo rifiutare di pagare perchè era prevista vittoria solo nei minuti regolamentari,
ma han preferito così: 1° perchè non gli costa nulla 2° per immagine

Alberto ha detto...

Avevo letto sul "Corriere della Sera" (quello vero non quello su internet che mostra solo tette e culi) che l'assicurazione era stata fatta (nessun mistero quindi).
Se posso aggiungere, alla MW i televisori sono costati molto meno del prezzo di vendita, cosi' come la merce che verra' comprata con il buono..
Sono caduti in piedi!
Ciao
Alberto

Anonimo ha detto...

io avevo proposto una iniziativa simile al mio parrucchiere..pensa quanta pubblicità gratuita si sarebbe fatto...ma non sono riuscito a spiegarla
Mondoboia

J.A. ha detto...

Questo post e' segnalato da Libero.it (seppur con enorme ritardo).

Beren ha detto...

Anch'io ho subito pensato che MW si potesse essere assicurata (i Lloyd assicurano anche le caccole), o che avesse contestualmente scommesso sull'Italia, ma prima mi era venuta anche un'idea più malata, ovvero: se MW è presente in altri paesi (Francia, Inghilterra, Germania ecc.) poteva aver fatto la stessa promozione per la Nazionale di casa, sapendo dunque di perderci eventualmente solo in un caso, e guadagnandoci in tutti gli altri.
Comunque mi sembra più lineare l'assicurazione o la scommessa.
Ciao

Mauriziosat ha detto...

ALLA FINE IL CLIENTE COSA CI HA GUADAGNATO?

La totalità degli schermi LCD e soprattutto PLASMA in vendita sino ad oggi sono solo CIOFECHE

Soprattutto il Plasma a 480linee di risoluzione sono fondi di magazzino di qualche anno fa.
Brava Mediaworld che con questa promozione si è liberata di schermi che non sapeva piu' come piazzare.

Certo il 50% di sconto non è male , ma devi pur spendere 1800€ minimo
E tra 5 o 6 mesi quegli schermi pagati 900€ si troveranno a meno dell ametà a causa del sporaggiungere dell'alta definizione.

Grande reparto marketing , sono dei draghi

enrico ha detto...

:-o

Grazie, aspettavamo proprio questo articolo per immaginare che una compagnia grossa come MW si fosse coperta con un'assicurazione in caso di sconfitta... veramente incredibile, fortuna che ce lo hai rivelato!!!

Congratulazioni per aver vinto il premio "acqua calda" dell'anno. :D

pablo ha detto...

sì .. sicuramente un buon calcolo e molto bello .... anche comunque il mio tv 32 p lcd acquistato "gratis" a mediaword con l'offerta modiali di calcio ....

Marco ha detto...

Anch'io pensavo all'ipotesi offerta simile negli altri paesi. Sarebbe comunque scandaloso che, in un paese civile, un'azienda possa investire "un capitale" in scommesse o che possa assicurarsi su cose così "effimere" come la vittoria di un mondiale... soprattutto, sarebbe ancora più scemo chi la assicura!

Anonimo ha detto...

Very cool design! Useful information. Go on! »

Anonimo ha detto...

This is very interesting site... Online indiana university wesleyan http://www.water-bed-sheet-5.info Main street fitness in jackson mo

Maru ha detto...

Numero di servizio clienti numero verde mediaworld, una catena tedesca di ipermercati per la distribuzione di apparecchi elettronici e di elettrodomestici di consumo.

Condividi questo post con i tuoi amici!