martedì, ottobre 31, 2006

Tributo a Nicky Hayden

So che mi renderò antipatico a molti, ma devo assolutamente fare outing: "io ho sempre tifato per Nicky Hayden". Non che abbia qualcosa in particolare contro Rossi, anzi, ma ho sostenuto l'americano già dai tempi in cui faceva coppia con Max "è-la-moto-che-non-va" Biaggi in HRC (ecco...così mi sono giocato anche quei 4 tifosi romani biaggisti ed antirossi che ieri hanno gioito).
Per tutti è Kentucky Kid, ma a me piace chiamarlo "Il raccomandato", usando un'espressione inventata dai suoi detrattori. Perchè è vero, non si può negarlo: se Hayden ha ottenuto molto giovane la moto più forte del mondiale, è perchè alla Honda un americano con una faccia da Hollywood come quella di Nicky faceva vendere negli States, il più grosso mercato mondiale, molte più moto di quante ne avrebbe vendute un pilota, anche se magari un po' più vincente, con passaporto spagnolo o italiano.
Ha avuto un bel vantaggio, chiaro, ma non è una colpa trovarsi in una condizione privilegiata. Anche perchè i privilegi finiscono qui, esattamente dove iniziano i test in cui sei chiamato a dimostrare quello che vali, a far vedere al mondo che quel posto te lo meriti. Essere chiamati a mostrare le proprie capacità affianco Valentino Rossi nel team migliore al mondo non dev'essere facile ed infatti, alle prime scivolate parte il mantra che perdura tuttora del pilota inadeguato alla situazione, del cocco della Honda America, etc. Hayden, intanto, impermeabile alle critiche, continua a fare il suo lavoro di secondo pilota a testa bassa. Poi Rossi se ne va in Yamaha e arriva l'esperto Biaggi a "sostituirlo". Quel Biaggi che a suo dire non ha mai avuto una moto alla sua altezza, ora ha la moto campione del mondo. Il risultato è che a lottare per il titolo con Rossi sarà Gibernau con la sua Honda non ufficiale. Hayden, il secondo pilota, chiude il mondiale al settimo posto, ancora troppo incostante, troppo immaturo con i suoi 5 zero a fine anno. Continuano le critiche e Hayden continua a lavorare a testa bassa. Il 2005 grazie anche ad una Yamaha nettamente migliorata, sarà dominato da un Valentino Rossi senza rivali. Hayden ottiene la sua prima vittoria in MotoGp nel circuito americano di Laguna Seca. "Vabbè... è il suo circuito, è molto particolare e poi lui c'ha corso in Superbike, mentre gli altri del motomondiale è la prima volta che ci correvano..." diranno i soliti. Hayden non se ne cura, continua a lavorare e nel silenzio generale, a fine anno, il secondo pilota americano si troverà in classifica davanti al primo pilota Max Biaggi.
2006: arriva il principino Daniel Pedrosa in HRC. Tutto il team è per lui. Si lavora in ottica 2007, Pedrosa deve farsi le ossa e Rossi pare inarrivabile. Hayden sembra destinato ad un altro anno da uomo immagine e nulla più, per giunta surclassato da una matricola. Hayden sviluppa ciò che Pedrosa utilizzerà. Ma quest'anno qualcosa sembra essere cambiato: più Hayden guida intraversato, in derapata, in monoruota, più è costante nei risultati. Il tanto lavoro finalmente ha pagato: Nicky non sbaglia un colpo. Vincerà solamente 2 gran premi nella stagione, ma raramente sarà escluso dal podio. Una stagione intera senza mai un errore e non si può certo dire che abbia una guida "conservativa"... E così, complice una Yamaha numero 46 che fa i capricci, Nicky Hayden si presenta a 2 gare dal termine con 12 punti di vantaggio su un Rossi in grande rimonta. Al secondo pilota Hayden basterebbero 2 secondi posti per laurearsi campione del mondo, ma il dramma si compie nei primissimi giri del penultimo gran premio: Dani Pedrosa al grido "sorpasso o morte" compie un'entrata azzardata ai danni del suo compagno di squadra, perde l'anteriore e va a stendere uno spumeggiante Hayden che pareva avere le carte in regola per giocarsi la vittoria. Rossi secondo compie il sorpasso nel mondiale portandosi a +8.
Hayden nell'ultima gara deve vincere e sperare che Rossi giunga al massimo terzo.
Sappiamo tutti come è andata a finire, ma mi preme sottolineare un episodio: Nicky Hayden alla partenza fa bella mostra di un adesivo sul cupolino che riporta delle carte da poker con la dicitura All in...ancora non vi è chiaro perchè io adoro questo raccomandato?!

PS: La totale venerazione, invece, se la merita il grande Troy Bayliss, trentottene che, avendo appena vinto il mondiale superbike, passando di lì per caso a Valencia ha deciso di correre il Gp e...vincerlo. Eccezionale!

giovedì, ottobre 26, 2006

Rambo: finale alternativo

Concedetemi un omaggio a un grande amico che si e' laureato ieri e con cui ho condiviso la stanza per 4 anni. 4 anni grandiosi.
L'omaggio e' il finale alternativo di Rambo, suo film preferito, che uno strano destino ha voluto essere mandato in onda proprio la sera della sua laurea.



Mille complimenti anche a Pilux. 110 e lode non e' da tutti.

UPDATE: Qui gli ultimi 7 minuti dell'ultima puntata de La Pupa e il Secchione (Grazie Audrey).

martedì, ottobre 24, 2006

VITTORIA!



Siamo noi, siamo noi, i campioni del programma siamo noi,
Siamo noi, siamo noi, i campioni del programma siamo noi.

Sandro Sala Ale-é, Sandro Sala Alé, Sandro Sala Alé, Sandro Sala Aleeeé.
Ole Ole Ole Oleee Rosy, Rosy, Ole ole Ole Oleeee Rosy Rosy.

Si è conclusa nel migliore dei modi questa splendida avventura, ora aspettiamo che Sala ci scriva qualcosa (l'ho sentito stamattina al telefono), intanto ripropongo i 12 Atroci Capitoli che ripercorrono le tappe del nostro eroe e il video dell'esultanza di alcuni sostenitori nel momento della proclamazione.
Tra questi un bieco blogger che pensa solo agli accessi al suo blog... :)

1. Sorpresa: Sala tra i concorrenti (non erano ancora ben chiare le regole)
2. Omar Monti e la "profezia"
3. Intermezzo (Sala è subito in nomination)
4. Infatti, Sato domenica ha terminato il G.P. del Brasile
5. Ci si aspetta una disfatta
6. Scampato pericolo
7. Pronti all'uscita...
8. Il riscatto di Rosy
9. La pubblicità negativa non esiste
10. Abbiamo i testimoni, Sala, l'hai detto
11. Andiamo a Berlino!
12. L'ultimo appello per Sala




P.S. per Rosy: Il 50% di 200.000 è 100.000. Anche se Sala tentasse di convincerti che in questo caso, per uno strano caso della matematica, è 50.000...

lunedì, ottobre 23, 2006

Non fate i taccagni

Questa sera si chiuderà l'avventura di Sala con la Pupa e il Secchione. Appena entrato nel reality lo davamo tutti per spacciato: era già in nomination, aveva la pupa forse più ignorante e come se non bastasse c'era pure totale assenza di comunicazione tra un Sala spento e demotivato ed una Rosy culturalmente irrecuperabile. Sono passate poche settimane da allora, ma sembrano anni: nel frattempo Rosy ha eliminato Mary in una prova finale sbagliando pochissimo, certo, non è riuscita a colmare il gap culturale, ma era umanamente impossibile, a differenza delle altre (e anche loro hanno le loro belle voragini culturali) Rosy si è dimostrata più umile, più sincera e pure meno oca. Grazie anche al suo aiuto, Sala, che apparentemente non aveva nulla da guadagnare dal bizzarro accoppiamento, è riuscito a superare il blocco iniziale e ad instaurare un rapporto di complicità e intimità con la sua bella che le altre coppie neanche si sognano. E non sto parlando solo delle performance sotto le lenzuola.
Ovviamente io sono molto parziale, ma è per questi motivi che ritengo la coppia Sala-Rosy, comunque vada, la vincitrice morale di questo reality. Siccome però ci sono 200.000 euro di mezzo della vittoria morale non gliene frega niente a nessuno. Neanche a me. L'ostacolo più arduo verso il malloppone si chiama Monti. Un personaggio che diverte il pubblico perchè è la caricatura di se stesso, che si umilia ad ogni occasione, che non ha fatto un progresso che sia uno in tutto il programma, ma proprio per questo rischia di ottenere il grande supporto di quel pubblico che si diverte con queste aste al ribasso dove il lotto in vendita è la dignità. E' quel pubblico che poi, appagato dal trash, concede il proprio televoto come si può lanciare una monetina allo storpio che fa il fenomeno da baraccone per sopravvivere. Un premio alla pietà.
Noi non siamo quel pubblico.
Noi questa sera voteremo tutti per Sala e Rosy.
E se non lo faremo per le nobili motivazioni di cui sopra, lo faremo perchè se Sala vince il reality fa una mega festa in cui abbiamo la possibilità di esserci.
Romantici sognatori o scaltri opportunisti non importa, non abbiamo scampo: dobbiamo tutti questa sera televotare per Sala e Rosy, segnalare il proprio nome nei commenti qui sotto, incrociare le dita ed aspettare l'invito di Sala alla mega festa.

mercoledì, ottobre 18, 2006

Marco se ne è andato e non ritorna più?

Magari. Visto che sto parlando di Marco Follini che finalmente, dopo anni di richieste di discontinuità ha lasciato l'Udc per fondare, tenetevi forte...L'Italia di mezzo. Orribile il logo. Pessimo il nome. Splendida notizia. A mai più rivederci, Follini. (Lasciatemi questa illusione almeno per un po'...).
Per l'occasione ho preparato un video celebrativo confezionato con le mie mani...

martedì, ottobre 17, 2006

Forza e Onore!

Andiamo a Berlino! Andiamo a Berlino! Andiamo a Berlino!
Ok...in realta' rimaniamo in quel di Varese, al massimo andiamo a Cologno Monzese, ma quello che conta e' che la coppia SALA-ROSY E' IN FINALE!.
Con loro, gli avversari piu' temibili alla vittoria finale, la coppia Monti-Ilaria. A proposito, ma si puo' sapere come si decretera' il vincitore?
Eliminati Annusaremanontoccare-Nora e Provaciancora-Congedo.
Salvi ma nuovamente in nomination Erpiottacolletette-Elisa e Bociamerda-Del Monte.
Nominati anche Parisalmenofacevaiporno-Silvia e Quintaledirresistibilesimpatia-Spino'.

Per festeggiare il trionfo del nostro gladiatore riproponiamo a favore di chi, come i nostri lettori dalla Francia, non ha potuto vederselo ieri sera: Massimo Decimo Sala. La tv dell'umiliazione non ha mai raggiunto vette cosi' elevate... Saltate pure al minuto 2'40'', cosi' vi evitate l'irritante performance di Spino'.



Altri video su Sala:
Dalla striscia quotidiana:I secchioni all'abbordaggio con i consigli delle pupe. (@ Rosy: ma che razza di consiglio e' "digli se puo' venire di la' un attimo che devi fargli vedere una cosa" ?!!)
Dalla serata di lunedi' 9: Speciale Sala-Rosy
Da Mai dire Reality:
Sala-Rosy, gli inizi difficoltosi
Da Mai dire Reality: Sala-Rosy, c'e' feeling...
Da La pupa e il Secchione Hot: Speciale Sala-Rosy (certo che siete stronze eh....)

lunedì, ottobre 16, 2006

Prove di federalismo fiscale

Nel silenzio generale dei media, troppo impegnati a riportare i grotteschi piagnistei di un patetico capo del governo, continuano le disperate fughe verso le regioni a statuto speciale tentate questa volta dai comuni montani di Noasca (dal Piemonte alla Val d'Aosta) e di Sovramonte (dal Veneto al Trentino).
Ne avevo gia' parlato qui un anno fa, in occasione dell'analogo referendum di Lamon. La situazione non e' cambiata, la mia opinione neppure. Segnalo solamente questo (e' pessimo, ma e' l'unico che ho trovato) articolo di Renzo Mazzaro, il cui contenuto e' riassumibile piu' o meno cosi': "un altro comune ha deciso di abbandonare il Veneto, quindi la smettano questi politici veneti di lamentarsi, e' colpa loro se i veneti lasciano la loro regione." Va bene il pragmatismo, ma cosa dovrebbero fare questi politici veneti? E' colpa loro se il Trentino offre ai suoi cittadini strade perfette, scuole nuove, libri gratis e l'autobus anche per i bimbi che abitano nel rifugio piu' sperduto delle dolomiti, mentre i vicini montanari del Veneto sono abbandonati a loro stessi? La risposta potrebbe essere si', se non fosse che i servizi di cui godono i trentini sono pagati con le tasse dei veneti. Da una parte 2 provincie autonome, ma non autosufficienti, dall'altra una regione piu'-che-autosufficiente, ma priva di qualsiasi autonomia. Non capisco come questo possa essere considerato giusto.
Purtroppo con ogni probabilita' la strada del referendum non portera' da alcuna parte visto che l'ultima parola spetta al parlamento italiano. Ma va bene cosi'. Le strade bisogna provarle tutte. Senza arrendersi mai. (Ri?) Proviamoci con una riforma costituzionale in senso fortemente federale, proviamoci coi referendum, proviamoci con un'alleanza tra regioni, proviamoci in qualsiasi modo, ma proviamoci.
Per quanto mi riguarda, il federalismo fiscale e il diritto all'autonomia non sono altro che declinazioni del liberismo, quindi e' chiaro che difficilmente trovera' sinceri sostenitori tra la marmaglia socialista-comunista, per questo guardo con molta diffidenza chi, a sinistra, si erge a paladino delle autonomie con improbabili progetti (cfr. questo ottimo post del Boaro).
Mi sono permesso di rielaborare la bandiera del Leone in versione Dixie. Spero che i liberisti veneti si possano riconoscere in questo stendardo:

venerdì, ottobre 13, 2006

Attacco a Mediaset

Un meschino sceriffo abusa della sua posizione per compiere soprusi nei confronti di un valoroso reduce di guerra. L'ira del guerriero non conoscera' pieta'.

Qui l'articolo di Feltri a riguardo.

mercoledì, ottobre 11, 2006

Il porno compagno Peppone

Se fosse il sequel del film si chiamerebbe senz'altro così.
Invece è una notizia che riporta il Corriere.

Una ragazza di 19 anni di Novi Ligure (Alessandria), convinta da due amici a girare un filmino pornografico quando era ancora minorenne, è stata poi costretta a prostituirsi dal padre di uno dei due a cui si era rivolta per avere un lavoro. [...] L'uomo che la faceva prostituire, Giuseppe Bottazzi, 64 anni, abitante a Basaluzzo (Alessandria), è stato arrestato.

martedì, ottobre 10, 2006

Superbollo: ecco i casi piu' assurdi

Sembra che i criteri per la tassa sui Suv siano stati stabiliti: tutti i veicoli fino a 7 posti con peso complessivo ammesso superiore a 2600 kg verranno tassati, oltre al normale bollo proporzionale ai kW, con una sovrattassa di 2 euro per kW. Ecco la lista dei veicoli corrispondenti a questo criterio (via autoblog).
Vediamo i casi piu' assurdi dell'applicazione di questa tassa che, come avevo gia' detto, era totalmente irrazionale gia' nei principi che l'hanno ispirata.

Capitolo 1: Queste sarebbero le auto dei ricconi edonisti?

Renault Espace 2.2 DCI - Diesel da 2.2 l, Euro 4, 102 kW, 7 posti, costa 32.000 euro, peso complessivo 2620 kg. Paga 204 euro di sovrattassa.

Volskwagen Multivan - 1.9 TDI, Euro4, 77 kW, 7 posti, da 37.000 euro, peso complessivo 3000 kg. Paga 144 euro di sovrattassa.

Chrysler Grand Voyager 2.8 CRD - Diesel da 2.8 l, Euro4, 110 kW, 7 posti, da 37.000 euro, peso complessivo 2620 kg. Paga 220 euro di sovrattassa.

Capitolo 2: E queste che c'entrano coi Suv?

Volkswagen Phaeton 3.0 V6 TDI - Diesel da 3.0 l, Euro 4, 165 kW, 5 posti, costa 67.000 euro, peso complessivo 2720 kg. Paga 330 euro di sovrattassa.

Bmw 745D - Diesel da 4.4 l, Euro 4, 242 kW, 5 posti, costa 90.000 euro, peso complessivo 2620 kg. Paga 448 euro di sovrattassa.

Mercedes R320 CDI - Diesel da 3.0 l, Euro4, 165 kW, 6 posti, da 55.831 euro, peso complessivo 2860 kg. Paga 330 euro di sovrattassa.

Capitolo 3: l'incredibile caso della Kia Sorento


Chi ha comprato la piu' economica ed ecologica versione Diesel da 2.5 l, 125 kW, Euro4, spendendo 30.651 euro, in forza dei suoi 2640 kg di peso complessivo, dovra' versare allo Stato 250 euro di pizzo.
Chi invece ha speso 8.000 euro in piu' per la versione piu' spinta, il 3.5 V6 24 valvole a benzina da ben 143 kW omologato con la vecchia Euro3, non paghera' nemmeno un euro di sovrattassa avendo un peso complessivo leggermente inferiore della soglia dei 2600 kg.

La palma d'oro del piu' tartassato spetta, ovviamente, alla Regina dei Suv, il Porsche Cayenne TurboS che con i suoi 521 Cv (383 kW) paghera' la bellezza di 766 euro annui di sovrattassa. In teoria. In pratica i Marco Ranzani di turno immatricoleranno il Cayenne in Svizzera e se magari hanno le palle girate anche per gli altri aumenti di questa obbrobriosa finanziaria decideranno una volta per tutte di farsi la residenza a Montecarlo, dimostrando ancora una volta che a questi livelli di pressione fiscale, l'aumento delle imposte provoca una riduzione di entrate per lo stato.
Vai a spiegarglielo ad Hans Uomotalpa.

foto: www.newstreet.it
foto: www.quattroruote.it

lunedì, ottobre 09, 2006

Scopiazzatura o coincidenza?

Pilux mi segnala che la ghigliottina che Carlo Conti ha proposto sabato sera all'interno de L'Eredita' era molto molto simile ad una gia' pubblicata da AtrocePensiero lo scorso febbraio.
La Ghigliottina "Atroce" era: MARIO, PRESSIONE, HONDA, SPAZIO, CODE.
La Ghigliottina de L'Eredita' era: MARIO, PRESSIONE, FORMULA 1 (Honda sarebbe stata pubblicita'), SBARRA, SLOT MACHINE.

Trattasi di semplice coincidenza o di furbesca sbirciatina? Ai lettori l'ardua sentenza. Se fosse vera la seconda ipotesi, suggerirei ai futuri concorrenti de L'Eredita' di darsi un'occhiata a tutte le ghigliottine da me proposte e agli autori del quiz rimprovererei la scelta: se c'era una ghigliottina da copiare era questa.


Update: Qui il nuovo video Sala-Rosy sottotitolato.

venerdì, ottobre 06, 2006

Un altro spot di MacGyver

Il sondaggio sui migliori telefilm degli anni '80 si può ritenere concluso. (Perdonate la grave dimenticanza di Magnum P.I. Ecco i risultati.
Ha vinto Mc Gyver. Per festeggiare degnamente questo trionfo AtrocePensiero vi offre un altro (qui il primo) spot del mitico Richard Dean Anderson.
Questa volta è d'epoca. Buona visione.

mercoledì, ottobre 04, 2006

Sala (spera?) Disco Party

Marcello mi segnala dai commenti il video "hot" su Sala e Rosy. Ovviamente non perdo un secondo e lo pubblico. A voi l'ardua sentenza: che il Sala abbia colto appieno il nostro invito della vigilia, che si sia limitato ad operazioni di "management", oppure solo fraterne carezzine? Perdonate se scendiamo a questi livelli di gossip da parrucchiera, ma e' un duro lavoro e qualcuno deve pur farlo...



Nella puntata di ieri notte pupe e secchioni discutevano su come avrebbero speso l'eventuale vincita.
Sala: "Beh...10.000 euro li brucio subito in cazzate...che ne so, il computer nuovo, un viaggio, una mega festa con 200 invitati...la musica, il delirio, la gente che vomita..."
E' ovvio che il sottoscritto nell'eventualita' della vittoria non si fara' sfuggire tale festa, ma voglio fare di piu': apro le iscrizioni on-line per l'evento, chiunque desideri partecipare lasci un commento qui sotto, la lista completa sara' visionata dallo stesso Sala all'uscita dal reality, ovviamente la decisione spetta a Sala e non ci sara' posto per tutti, ma sono convinto che concedera' a qualche fortunato, o preferibilmente fortunata, l'oppurtunita' di partecipare all'evento!

Qui il video su Sala-UomoRagno interrogato dalla Panicucci sulle sue performance sotto le coperte.

P.S.: Non siate volgari nei commenti, grazie.

lunedì, ottobre 02, 2006

Il moralizzatore colpisce i Suv

Ce ne sarebbero tante di cose da "urlare" contro questo governo: sulla vicenda telecom, sulla vampiresca finanziaria, sulla fine dell'embargo sulle armi alla Cina...troppe per un unico blogger. Mi concentrerò allora su un piccolo ma molto significativo dettaglio: la tassa sui Suv. Più ci penso e più mi viene voglia di comprarmi un Hummer, imbottirlo di tritolo, aereografargli un bel "eccoti il tuo superbollo" sul cofano e lanciarlo a folle velocità su Palazzo Chigi.



Purtroppo non dispongo del capitale necessario al compimento della nobile causa, quindi, calmiamoci e ragioniamo. Gustiamoci, per esempio, lo storico pezzo sul Puttanone in fuoristrada a firma Gino & Michele. Letto? Bene. Ora che ci siamo fatti 2 risate, permettetemi un paio di riflessioni.
Mettiamo subito in chiaro una cosa: i Suv non mi piacciono, hanno capacità di carico praticamente uguali a quelle di una station wagon, ingombro massimo, prestazioni limitate e prezzi da capogiro.
Mettiamone in chiaro un'altra: di puttanoni che scorrazzano per i centri storici col Cayenne, nella provincia veneta ce ne sono a bizzeffe (il "popolo delle partite iva" li può immatricolare come autocarro) e ho verificato sperimentalmente l'inversa proporzionalità che sussiste tra l'abilità del guidatore/guidatrice e le dimensioni del mezzo. Il Suv è a tutti gli effetti uno status symbol. 9 volte su 10 chi ha un Suv avrebbe potuto tranquillamente comprarsi una berlina di pari valore e ci avremmo guadagnato tutti: lui in denaro e prestazioni, noi in ambiente e traffico. Ma da qui a dire che "allora è giusto tassarli" c'è una bella differenza. La stessa che passa tra un liberale e un comunista.
Le tasse servono a pagare i servizi che lo Stato ci offre, non a stabilire una fantomatica "giustizia sociale" come sostiene Prodi con una dichiarazione che gli vale l'ambito premio "Cattocomunista dell'anno" (in realtà era suo già dai tempi di questo video).
Ma poi, ammesso e non concesso che le tasse servano a "punire" i cittadini, quale sarebbe la colpa specifica dei possessori di Suv?
Se il problema è l'ingombro, la tassa avrebbe dovuto riguardare tutte le autovetture più larghe (o più lunghe) di tot metri (una Multipla ad esempio).
Se il problema è il consumo la tassa avrebbe dovuto colpire tutte le auto che fanno meno di tot km/l (e di auto che consumano più dei Suv ce n'è un'infinità). Ma non dimentichiamo che le tasse sul consumo ci sono già, si chiamano accise sui carburanti e le nostre sono le più care d'Europa.
Se il problema è il costo dell'automobile (ma di chi sarebbe il problema?), allora la tassa avrebbe dovuto riguardare tutte le auto che costano più di tot euro (ci sono Suv da 15.000 euro).

Ma nessuno di questi è "il problema". Il "problema" è avere al governo una combriccola di comunisti che hanno trovato un simbolo, il Suv, su cui scatenare ancora una volta la tanto agognata lotta di classe. Non sto esagerando.

P.S.: Sono proprio curioso di sapere quali criteri adotteranno in definitiva per distinguere ciò che è Suv da ciò che non lo è, perchè attualmente si parla della trazione integrale come discriminante. I possessori della Panda 4x4 saranno contenti. Già che ci sono perchè non nominano una commissione di esperti con il compito di definire il grado di "moralità" di ogni autovettura e pagare le sovrattasse di conseguenza?

Condividi questo post con i tuoi amici!