martedì, gennaio 23, 2007

Il caso Welby a bocce ferme (prima parte)

Adesso che si sono calmate le acque, ora che "non fa più notizia", vorrei dire 2 parole sul caso Welby. Non l'ho fatto prima un po' per rispetto per la persona, un po' perchè attendevo che almeno un politico, dico uno, esprimesse una posizione che mi sentissi di condividere pienamente. Ebbene, nonostante il numero record di partiti politici italiani non sono riuscito a trovare nessuno che alle seguenti 6 semplicissime domande rispondesse come me.

1) Welby aveva il diritto di morire?
2) Quello di Welby è stato un caso di omicidio (seppur con il consenso della vittima)?
3) C'era accanimento terapeutico su Welby?
4) Serve una legge sull'eutanasia?
5) Condanneresti dal punto di vista morale l'operato del medico che gli "ha staccato la spina"?
6) Tale medico va condannato da un tribunale per omicidio?

Provate a rispondere con dei semplici SI'-NO, prossimamente pubblicherò le mie risposte argomentate.

8 commenti:

Maedhros ha detto...

Le mie risposte (non motivate, perché ho già dato):
1) Sì!
2) No!
3) Solo il paziente può stabilirlo, quindi sì!
4) No, nella maniera più assoluta!
5) No!
6) No!

saffo ha detto...

1) Welby aveva il diritto di morire? CREDO CHE DIO ABBIA FATTO ALL'UOMO UN GRANDE DONO: IL LIBERO ARBITRIO. WELBY HA FATTO LA SUA SCELTA.

2) Quello di Welby è stato un caso di omicidio (seppur con il consenso della vittima)? NO, WELBY ERA PIENAMENTE CONSAPEVOLE. SEMMAI E' SUICIDIO.

3) C'era accanimento terapeutico su Welby? A MIO PARERE SI.

4) Serve una legge sull'eutanasia? SI.

5) Condanneresti dal punto di vista morale l'operato del medico che gli "ha staccato la spina"? CREDO SIA ADDOSSATO DI UNA GROSSA RESPONSABILITA'. ALLA SUA COSCIENZA L'ARDUA SENTENZA.

6) Tale medico va condannato da un tribunale per omicidio? NO.

John Dorian Gray ha detto...

1) Welby aveva il diritto di morire?
Welby aveva il diritto (costituzionale) di non farsi curare ulteriormente. Sapeva che questo significava morire. E ne aveva il diritto.
2) Quello di Welby è stato un caso di omicidio (seppur con il consenso della vittima)?
Omicidio significa uccidere un uomo. Il medico sapeva che sarebbe morto. Questo vuol dire uccidere? Sì.
3) C'era accanimento terapeutico su Welby?
Penso lo sia sempre, quando le cure non mirano a guarire ma ad allungare il periodo di vita, e quando queste cure sono più dolorose del semplice morire.
4) Serve una legge sull'eutanasia?
Sì.
5) Condanneresti dal punto di vista morale l'operato del medico che gli "ha staccato la spina"?
Morale? No. Ha avuto coraggio, e ha garantito al paziente un suo diritto.
6) Tale medico va condannato da un tribunale per omicidio?
No

Anonimo ha detto...

1 Sì
2 No
3 Sì, non c'erano speranze di guarigione
4 Sì
5 No, concordo ha avuto coraggio
6 No

Patrizia

Franz ha detto...

Questo caso era cosi' drammaticamente 'estremo' e particolare che qualsiasi risposta si da, sara' sempre inadeguata e contradditoria. E casi simili ce ne sono purtroppo tanti.

1) si (moralmente, ma non giuridicamente perche' il suicidio non e' ammesso, no dal punto di vista religioso)
2) no (parlerei piuttosto di aiuto al suicidio)
3) no
4) no (semmai serve una legge che in questi casi estremi consenta il suicidio)
5) no (perche' penso che lo ha fatto a fin di bene)
6) no

Franz

ugofc81 ha detto...

1)sì
2)sì: omicidio del consenziente. Per di più di uno che aveva reso pubblico-che-più-pubblico-non-si-può di essere consenziente.
3)a meno che non si consideri la somministrazione d' aria tramite tracheotomia una "terapia" (e quindi l' aria un farmaco) no.
4)no. Serve una legge sull' omicidio del consenziente.
5)no.
6)condannato no, ma ci vuole una certificazione che si trattò di omicidio del consenziente. (tanto per dar lavoro a qualche scribacchino)

Anonimo ha detto...

io non mi sento di rispondere si o no a queste domande perchè potrei trovare un sì motivato e un no motivato a tutte!!
però volevo semplicemente dire che più che accanirsi su casi terminali, i medici dovrebbero avvelersi di persone che aiutino queste persone (e le loro famiglie) a migliorare il più possibile la qualità di vita!
una famiglia non può essere lasciata sola in questa drammaticità perchè se no è logico che in date situazioni si pensa che l'unico sollievo sia la morte.. invece io credo che la vita dovrebbe sempre trionfare!
Rossana

H.I.M. ha detto...

1-SI
2-SI
3-SI
4-NO
5-SI
6-SI

Condividi questo post con i tuoi amici!