venerdì, febbraio 29, 2008

Walter Veltroni vince l'Oliviero per febbraio 2008

Walter Veltroni vince il Premio Oliviero - AtroceAwards per febbraio 2008


Perdonate la banalità, vi prego. Ho ignorato la prima, ho fatto finta di non vedere la seconda, ma alla terza...il Premio Oliviero è automatico!
Passi per la menata dell'uomo nuovo nel partito nuovo che fa cose nuove... E' da mettere in preventivo il fatto che le promesse di un politico valgono zero, quindi non ci siamo scomposti più di tanto quando il PD ha fatto la coalizione con Di Pietro e ha inglobato i Radicali dopo aver dichiarato perentorio "Corriamo da soli!" (anche se solitamente i politici aspettano almeno il giorno dopo delle elezioni per rimangiarsi tutto ). Ci siamo fatti una risata quando abbiamo sentito il Walter proclamare che il PD è il "Partito del lavoro"; detto da uno che non ha mai lavorato (a meno di non considerare la politica un lavoro...) è decisamente divertente. Ma quando dichiara: "Ci sono stati tempi, in cui dei ministri scendevano in piazza contro il governo che sostenevano. Tutto questo è finito, comincia un tempo nuovo per merito del nostro coraggio" guardandosi bene dal ricordare che ai tempi dell'indulto "quel ministro" era proprio Di Pietro...


La redazione di AtrocePensiero è lieta di comunicarLe che, grazie alle sue recenti dichiarazioni in merito alla "nuova stagione della politica, ha vinto il Premio Oliviero - AtroceAwards per febbraio 2008.
La conquista di tale riconoscimento Le dà diritto ad esporre la Coccarda Ufficiale (v. immagine allegata) in una pagina internet a sua scelta.

Ringraziandola per il contributo offerto
Distinti Saluti

Joey Atroce
Presidente della Fondazione Premio Oliviero

1 commento:

Anonimo ha detto...

Avrei un'altra proposta per l'Oliviero:
Gabriella Carlucci per gli interventi
nel suo blog contro la nomina di Maiani
a presidente del CNR:



http://www.gabriellacarlucci.it/2008/02/25/a-tutti-coloro-che-mi-hanno-scritto-sulla-questione-della-presidenza-cnr/



http://www.gabriellacarlucci.it/2008/02/28/in-risposta-a-parisi

Condividi questo post con i tuoi amici!