giovedì, maggio 07, 2009

4 maggio 1979

A trent'anni esatti (o quasi, 4 maggio 1979) dalla sua prima elezione a primo ministro brittanico è doveroso ricordare l'operato di Margaret Thatcher.
All'ottimo articolo sul tema, letto su Libertiamo.it, aggiungo solamente una nota trovata sulla pagina di Wikipedia dedicata alla Lady di Ferro.
In politica estera accentuò la sua ostilità nei confronti dell'Europa, opponendosi fermamente al progetto di creare l'Unione europea
Sempre più convinto che il 6-7 giugno siano ottime date per rosolarsi sotto il sole di Jesolo.

3 commenti:

ugofc81 ha detto...

Chi sono io per dire una cosa del genere, ma questa non è la maniera di risolvere il problema: Ci tocca interessarci alla politica perché in ogni caso la politica si interessa a noi. Ci sono dei partiti, come l'United Kingdom Independence Party che vanno all'europarlamento col preciso scopo di fare i sabotatori. Ecco, io vorrei votare per un sabotatore. Spero di trovarlo in questo mese.

J.A. ha detto...

Il tuo ragionamento non fa una piega: ci tocca interessarci della politica; il mio non è certo menefreghismo, ma credo che al momento qualsiasi voto non sia solo inutile, ma anche controproducente.
I partiti politici italiani che in passato davano una flebile speranza di liberalismo oggi hanno deciso di abbracciare in toto i temi statalisti; questo perchè hanno visto che con programmi più statalisti possono sottrarre voti ai diretti avversari, senza perdere troppi voti dei liberali, che non hanno alternative. Votare il "meno peggio" può esser spesso una soluzione, ad oggi credo che possa solo incoraggiare questa pratica.
Se trovi qualche sabotatore fammi un fischio.

J.A. ha detto...

Il tuo ragionamento non fa una piega: ci tocca interessarci della politica; il mio non è certo menefreghismo, ma credo che al momento qualsiasi voto non sia solo inutile, ma anche controproducente.
I partiti politici italiani che in passato davano una flebile speranza di liberalismo oggi hanno deciso di abbracciare in toto i temi statalisti; questo perchè hanno visto che con programmi più statalisti possono sottrarre voti ai diretti avversari, senza perdere troppi voti dei liberali, che non hanno alternative. Votare il "meno peggio" può esser spesso una soluzione, ad oggi credo che possa solo incoraggiare questa pratica.
Se trovi qualche sabotatore fammi un fischio.

Condividi questo post con i tuoi amici!